il discepolo attaccabrighe

10 Jan 22

Dicono che c’era una volta un giovane che si avvicinò a un vecchio filosofo greco per chiedere il suo aiuto perché non riusciva a modificare il suo atteggiamento attaccabrighe e prepotente. Era consapevole di essere lui il problema ma non riusciva a smettere di arrabbiarsi costantemente.

Il maestro lo ascoltò senza fare alcun commento e poi gli diede un compito. Per un tempo avrebbe dovuto dare del denaro a ogni persona che avesse incontrato per ricevere in cambio degli insulti. Poi sarebbe dovuto andare ad Atene per finire il suo percorso e scoprire tutti quello di cui aveva bisogno.

Il discepolo era molto sorpreso, ma accettò il consiglio dell’anziano. Disprezzarlo sarebbe stato un atto di superbia ed era venuto da lui proprio per liberarsene. Per molto tempo fece quel che le era stato detto di fare, ogni volta che incontrava qualcuno gli offriva del denaro per farsi insultare, poi, invece di rispondergli o insultarlo a sua volta, pagava, chinava il capo e se ne andava. Si era presto reso conto che se l’altro gli avesse risposto avrebbe dovuto mettere di nuovo mano al borsellino e dargli un’atra moneta. Una discussione più o meno lunga avrebbe potuto portarlo alla rovina…

Quando si sentí pronto, partì per Atene e quando arrivò, sulla strada principale, incontrò un vecchio mendicante che, seduto su un mucchio di pietre, si dilettava a prendere in giro e a inveire contro tutti quelli che entravano e uscivano dalla città.

L’uomo lo insultò non appena lo vide, gli gridò «E tu, ignorante e indegno figlio di buona donna, chi ti credi di essere per venire a disturbarci? perché vieni ad Atene, idiota?»

E il giovane, ridendo, ringraziando e chinando il capo ad ogni insulto, rispose con calma «Vengo a cercare la saggezza» disse, senza smettere di ridere. E quando il vecchio sconosciuto gli chiese «E perché ridi quando ti insulto, stupido?» Rispose «Rido perché per molto tempo ho dovuto pagare per avere ciò che tu ora mi dai gratuitamente… E per questo ti ringrazio.»

E il vecchio mendicante  disse «Entra nella città, viandante, è tutta tua, anche se non credo che tu abbia molto altro da imparare…»

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.