il discepolo attaccabrighe

10 Jan 22

Dicono che c’era una volta un giovane che si avvicinò a un vecchio filosofo greco per chiedere il suo aiuto perché non riusciva a modificare il suo atteggiamento attaccabrighe e prepotente. Era consapevole di essere lui il problema ma non riusciva a smettere di arrabbiarsi costantemente.

Il maestro lo ascoltò senza fare alcun commento e poi gli diede un compito. Per un tempo avrebbe dovuto dare del denaro a ogni persona che avesse incontrato per ricevere in cambio degli insulti. Poi sarebbe dovuto andare ad Atene per finire il suo percorso e scoprire tutti quello di cui aveva bisogno.

Il discepolo era molto sorpreso, ma accettò il consiglio dell’anziano. Disprezzarlo sarebbe stato un atto di superbia ed era venuto da lui proprio per liberarsene. Per molto tempo fece quel che le era stato detto di fare, ogni volta che incontrava qualcuno gli offriva del denaro per farsi insultare, poi, invece di rispondergli o insultarlo a sua volta, pagava, chinava il capo e se ne andava. Si era presto reso conto che se l’altro gli avesse risposto avrebbe dovuto mettere di nuovo mano al borsellino e dargli un’atra moneta. Una discussione più o meno lunga avrebbe potuto portarlo alla rovina…

Quando si sentí pronto, partì per Atene e quando arrivò, sulla strada principale, incontrò un vecchio mendicante che, seduto su un mucchio di pietre, si dilettava a prendere in giro e a inveire contro tutti quelli che entravano e uscivano dalla città.

L’uomo lo insultò non appena lo vide, gli gridò «E tu, ignorante e indegno figlio di buona donna, chi ti credi di essere per venire a disturbarci? perché vieni ad Atene, idiota?»

E il giovane, ridendo, ringraziando e chinando il capo ad ogni insulto, rispose con calma «Vengo a cercare la saggezza» disse, senza smettere di ridere. E quando il vecchio sconosciuto gli chiese «E perché ridi quando ti insulto, stupido?» Rispose «Rido perché per molto tempo ho dovuto pagare per avere ciò che tu ora mi dai gratuitamente… E per questo ti ringrazio.»

E il vecchio mendicante  disse «Entra nella città, viandante, è tutta tua, anche se non credo che tu abbia molto altro da imparare…»

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.