il demone della rabbia

07 Jul 20

In questi post dedicati ai demoni abbiamo già parlato del demone della colpa, e di quello della paura, oggi voglio parlarvi di quello della rabbia, un’altro demone molto potente che ci porta a fare cose di cui poi ci pentiamo, così da attrarre gli altri due.

Il demone della rabbia è quello che scatta più in fretta, non ci fa pensare è che non pensa, non ascolta ragioni, non osserva e non vuole approfondire. Infatti, spesso, ci porta a prendercela con le persone sbagliate o per i motivi sbagliati.

É quello che porta molti a fare la guerra dei poveri, a lottare con chi abbiamo vicino invece di trovare le cause più profonde. É quello che ci fa concentrare sulle differenze e non vedere quel che ci accomuna, per molto che possa essere.

É un demone che cerca la causa dei nostri mali all’esterno, può allearsi con quello della colpa, altre con quello della paura, e altre volte anche con entrambi.

Il fatto é che molte istituzioni lo usano per mantenere lo status quo, per mantenere le persone al proprio posto, usano le armi di distrazioni di massa per disinformarci, per lanciarci delle esche che tirino fuori tutta la nostra irrazionalità, per dividerci, alcuni per attaccarle e altri per difenderle.

La cosa più terribile della rabbia è la sua capacità di difondersi, con la sua irrazionalità, è molto contaggiosa e si rinforza nella forza del gruppo, del branco, in cui si nasconde la sua responsabilità.

Il mio invito possitivo di oggi è quello di cercare oltre la superficie, con molta calma, fino a  trovare le cose che abbiamo in comune, e delle soluzioni che non prevedano mosse disperate di cui potremmo pentirci. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.