il demone della paura

La settimana scorsa abbiamo parlato del demone della colpa, molto legato alla tradizione occidentale e ai nostri tempi, oggi voglio parlarvi di un’altro demone, quello della paura, che è uno dei più universali.

Il demone della paura può essere molto forte, e immovilizzante. I suoi discorsi hanno normalmente delle variazioni perchè ognuno, in ogni momento, può avere una o più paure, ma normalmente sono legati alla possibilità di perdere qualcosa. Alla base sta sempre la paura della morte, del dolore, della sofferenza.

Il demone della paura spesso ci fa sentire attaccati e credere di dover difenderci. Classifica qualsiasi situazione come “pericolosa” per poter giustificare la sua esistenza

Ma la cosa più pericolosa è che, giocando con il concetto di “male minore” può indurci a fare dei sacrifici inutili o esagerati. Come la lupa che si stacca la gamba, rimasta incastrata in una trapola, per salvare la vita.

Anche questo demone sta dietro a molte istituzioni oggi, iniziando dalla famiglia, già che i più grandi usano la paura per sottomettere i piccoli prima che diventino giovani e possano ribellarsi, come nella storia dell’elefante legato a un piccolo paletto.

La cosa più terribile della colpa è che ci fa immaginare numerosi pericoli, di cui la maggior parte non si avvereranno mai, e che, per allontanarci da loro, ci fa perdere un sacco di opportunità di essere noi stessi, di gioire o di imparare qualcosa importante per noi.

Il mio invito possitivo di oggi è quello di cercare sempre di capire cosa ci ferma e, quando é la paura, guardarla in faccia e non permetterle di allontanarci dai nostri sogni. Gestire il pericolo come un rischio. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.