il demone della paura

La settimana scorsa abbiamo parlato del demone della colpa, molto legato alla tradizione occidentale e ai nostri tempi, oggi voglio parlarvi di un’altro demone, quello della paura, che è uno dei più universali.

Il demone della paura può essere molto forte, e immovilizzante. I suoi discorsi hanno normalmente delle variazioni perchè ognuno, in ogni momento, può avere una o più paure, ma normalmente sono legati alla possibilità di perdere qualcosa. Alla base sta sempre la paura della morte, del dolore, della sofferenza.

Il demone della paura spesso ci fa sentire attaccati e credere di dover difenderci. Classifica qualsiasi situazione come “pericolosa” per poter giustificare la sua esistenza

Ma la cosa più pericolosa è che, giocando con il concetto di “male minore” può indurci a fare dei sacrifici inutili o esagerati. Come la lupa che si stacca la gamba, rimasta incastrata in una trapola, per salvare la vita.

Anche questo demone sta dietro a molte istituzioni oggi, iniziando dalla famiglia, già che i più grandi usano la paura per sottomettere i piccoli prima che diventino giovani e possano ribellarsi, come nella storia dell’elefante legato a un piccolo paletto.

La cosa più terribile della colpa è che ci fa immaginare numerosi pericoli, di cui la maggior parte non si avvereranno mai, e che, per allontanarci da loro, ci fa perdere un sacco di opportunità di essere noi stessi, di gioire o di imparare qualcosa importante per noi.

Il mio invito possitivo di oggi è quello di cercare sempre di capire cosa ci ferma e, quando é la paura, guardarla in faccia e non permetterle di allontanarci dai nostri sogni. Gestire il pericolo come un rischio. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.