il demone della colpa

Sapete che mi piace pensare ai pensieri come voci nella testa, per quanto riguarda i pensieri “negativi“, li immagino come se fossero delle parole pronunciate all’orecchio da un demone. Uno pieno di sè, cattivo e supponente.

Questi demoni vivono nella nostra testa, si alimentano da tutte le parole che sentiamo, e poi le ripetono in continuazione nei momenti in cui possono. Ognuno di noi ne ha i suoi, e ad ognuno dicono cose diverse, perchè le cose che abbiamo sentito e ci hanno colpito non erano le stesse, ma possiamo dar loro dei “nomi” in funzione del tipo di discorso che fanno.

Il demone della colpa è uno dei più forti, perchè la colpa è ancora più immovilizzante della paura. I suoi discorsi hanno normalmente delle variazioni nel tempo e le persone del verbo DOVERE. Vede nel mondo tutto quello che manca, tutto quello che potrebbe essere migliorato, e la nostra immaginazione può migliorare e idealizzare TUTTO.

A volte attaca noi direttamente, altre volte ci fa attaccare altri. Ci hanno insegnato a sentirci in colpa delle persone che si sentivano in colpa. E ci hanno insegnato a cercare dei colpevoli. La colpa è il modo più semplice per manipolare chi non possiamo controllare in altri modi, chi è più forte di noi, chi è imprevedibile, ecc.

Molte istituzioni oggi sopravvivono grazie al senso di colpa, dalle famiglie che usano la colpa per proteggere i bambini alle chiese che usano la colpa per poterci “guidare”. La colpa è il prezzo da pagare per essere se stessi.

La cosa più terribile della colpa è che non si può “combattere”, non ci possiamo proteggere, come facciamo con la paura, la colpa parla di cose che non si possono risolvere, anzi, funziona meglio quando è troppo tardi.

Il mio invito possitivo di oggi è di cercare sempre responsabili e mai colpevoli, perchè è l’unico modo in cui potremo diventare più forti e avvicinarci ai nostri IDEALI. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.