il criterio è la gioia

Lanno prossimo, negli incontri di facciamo pace, continueremo il discorso sulle persone giuste. Sia chiaro che non penso ci siano persone giuste e sbagliate ma, sia chiaro, le persone possono essere giuste o sbagliate per un nostro obiettivo.

Vedremo come capire se le persone sono quelle giuste o quelle sbagliate, ma anche le situazioni, le dinamiche, ecc. Perchè c’è uno strumento meraviglioso che abbiamo tutti per capire se siamo sulla strada giusta per essere promossi nella nostra vacanza studio, o se ci siamo persi per strada cercando di accontentare altri…

E questo strumento è il nostro corpo, le nostre sensazioni, il modo in cui ci batte il cuore o il modo in cui respiriamo. Ogni volta che facciamo delle cose possiamo capire se sono giuste perchè quelle giuste ci danno gioia, come diceva Osho .

Non parlo del piacere come quel picco di euforia come quello che sentiamo quando riusciamo a soddisfare un desiderio effimero. La gioia che ci dice che siamo sulla strada giusta è più come un sollievo, una beatitudine, una spensieratezza serena e pacifica.

Ed è una gioia che ci assale quando siamo da soli, nel modo giusto, senza giudicare nè giudicarci, lontani dalle aspettative  e dalle pretese. 

Quando stiamo facendo le cose giuste e anche quando siamo con le persone giuste, quelle che ci permettono di essere noi stessi e di seguire il nostro cuore e non solo i “dettati” della società e degli altri.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto ai prossimi incontri!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.