il criterio è la gioia

01 Jan 20

Lanno prossimo, negli incontri di facciamo pace, continueremo il discorso sulle persone giuste. Sia chiaro che non penso ci siano persone giuste e sbagliate ma, sia chiaro, le persone possono essere giuste o sbagliate per un nostro obiettivo.

Vedremo come capire se le persone sono quelle giuste o quelle sbagliate, ma anche le situazioni, le dinamiche, ecc. Perchè c’è uno strumento meraviglioso che abbiamo tutti per capire se siamo sulla strada giusta per essere promossi nella nostra vacanza studio, o se ci siamo persi per strada cercando di accontentare altri…

E questo strumento è il nostro corpo, le nostre sensazioni, il modo in cui ci batte il cuore o il modo in cui respiriamo. Ogni volta che facciamo delle cose possiamo capire se sono giuste perchè quelle giuste ci danno gioia, come diceva Osho .

Non parlo del piacere come quel picco di euforia come quello che sentiamo quando riusciamo a soddisfare un desiderio effimero. La gioia che ci dice che siamo sulla strada giusta è più come un sollievo, una beatitudine, una spensieratezza serena e pacifica.

Ed è una gioia che ci assale quando siamo da soli, nel modo giusto, senza giudicare nè giudicarci, lontani dalle aspettative  e dalle pretese. 

Quando stiamo facendo le cose giuste e anche quando siamo con le persone giuste, quelle che ci permettono di essere noi stessi e di seguire il nostro cuore e non solo i “dettati” della società e degli altri.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto ai prossimi incontri!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.