il criterio è la gioia

Lanno prossimo, negli incontri di facciamo pace, continueremo il discorso sulle persone giuste. Sia chiaro che non penso ci siano persone giuste e sbagliate ma, sia chiaro, le persone possono essere giuste o sbagliate per un nostro obiettivo.

Vedremo come capire se le persone sono quelle giuste o quelle sbagliate, ma anche le situazioni, le dinamiche, ecc. Perchè c’è uno strumento meraviglioso che abbiamo tutti per capire se siamo sulla strada giusta per essere promossi nella nostra vacanza studio, o se ci siamo persi per strada cercando di accontentare altri…

E questo strumento è il nostro corpo, le nostre sensazioni, il modo in cui ci batte il cuore o il modo in cui respiriamo. Ogni volta che facciamo delle cose possiamo capire se sono giuste perchè quelle giuste ci danno gioia, come diceva Osho .

Non parlo del piacere come quel picco di euforia come quello che sentiamo quando riusciamo a soddisfare un desiderio effimero. La gioia che ci dice che siamo sulla strada giusta è più come un sollievo, una beatitudine, una spensieratezza serena e pacifica.

Ed è una gioia che ci assale quando siamo da soli, nel modo giusto, senza giudicare nè giudicarci, lontani dalle aspettative  e dalle pretese. 

Quando stiamo facendo le cose giuste e anche quando siamo con le persone giuste, quelle che ci permettono di essere noi stessi e di seguire il nostro cuore e non solo i “dettati” della società e degli altri.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto ai prossimi incontri!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.