il criterio è la gioia

Lanno prossimo, negli incontri di facciamo pace, continueremo il discorso sulle persone giuste. Sia chiaro che non penso ci siano persone giuste e sbagliate ma, sia chiaro, le persone possono essere giuste o sbagliate per un nostro obiettivo.

Vedremo come capire se le persone sono quelle giuste o quelle sbagliate, ma anche le situazioni, le dinamiche, ecc. Perchè c’è uno strumento meraviglioso che abbiamo tutti per capire se siamo sulla strada giusta per essere promossi nella nostra vacanza studio, o se ci siamo persi per strada cercando di accontentare altri…

E questo strumento è il nostro corpo, le nostre sensazioni, il modo in cui ci batte il cuore o il modo in cui respiriamo. Ogni volta che facciamo delle cose possiamo capire se sono giuste perchè quelle giuste ci danno gioia, come diceva Osho .

Non parlo del piacere come quel picco di euforia come quello che sentiamo quando riusciamo a soddisfare un desiderio effimero. La gioia che ci dice che siamo sulla strada giusta è più come un sollievo, una beatitudine, una spensieratezza serena e pacifica.

Ed è una gioia che ci assale quando siamo da soli, nel modo giusto, senza giudicare nè giudicarci, lontani dalle aspettative  e dalle pretese. 

Quando stiamo facendo le cose giuste e anche quando siamo con le persone giuste, quelle che ci permettono di essere noi stessi e di seguire il nostro cuore e non solo i “dettati” della società e degli altri.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto ai prossimi incontri!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.