il corvo e la strega

30 May 22

Dicono che c’era una volta una strega che stava raccogliendo erbe per le sue pozioni nella foresta quando vide un corvo triste che piangeva fra gli alberi. Intenerita gli chiese perchè era così infelice.

– Sono l’animale più brutto e più inutile, nessuno mi apprezzerà mai. -disse il corvo senza smettere di piangere- sono molto sfortunato…   
    – Inutile? Non mi sembra, -disse la strega- ma mi stai simpatico e voglio aiutarti, cosa vorresti diventare?
    – Non lo so, un cigno? -disse timidamente il corvo- credo che i cigni sono gli uccelli più belli e felici al mondo.
    – Se vuoi, posso farti diventare un’altro animale, ma per essere sicuri della scelta, vai a parlare con il cigno per vedere se lui è felice.

Il corvo accettò e andò a parlare con il cigno nello stagno… gli spiegò quello che pensava e gli chiese se era felice.
   
– Io, magari! Non credo di essere bello, non ho nemmeno colori, non credo che ti convenga essere come me, se io potessi scegliere vorrei essere un papagallo.

Il corvo decise allora di cercare un papagallo e quando lo trovò gli disse tutto della sua tristezza e delle sue conversazioni con la strega e il cigno, e gli chiese se era felice.
   
– Io? felice? in realtà non tanto, ho sempre paura che qualcuno voglia prendermi e ingabbiarmi per farmi parlare come loro, se io potessi scegliere vorrei essere un pavone, loro si sono felici, liberi di camminare e ammirati da tutti.

Il corvo ormai stava iniziando a capire quel che intendeva la strega, ma andò dal pavone e gli raccontò tutte le conversazioni, e gli chiese se era felice.
    – Felice? Io? -rispose triste il pavone- non proprio, devo sempre farmi vedere come gli altri vogliono vedermi, e a volte persino mi strappano le piume per decorare le loro case, se potessi scegliere vorrei essere un corvo come te, nero, per poter nascondermi e vivere in pace.

Il corvo tornò dalla strega e le disse che aveva capito, che non voleva cambiare e si offrì per accompagnarla e aiutarla, ad aiutarle altri, così non si sarebbe sentito più inutile.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualunque disavventura si può trarre un vantaggio (basta avere la pazienza di cercarlo)

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.