Il club delle cinque del mattino (2019)

16 Apr 21

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

Un po’ come Il monaco che vendette la sua ferrari, e Il leader che non aveva titoli, racconta la storia di due personaggi, una giovane imprenditrice e un eccentrico pittore, che incontrano ad un evento di un grande coach, uno stravagante e simpatico miliardario che li guiderà in un percorso di crescita individuale.

La più grande differenza con i prcedenti è che le spiegazioni che negli altri libri erano soltanto racconti di vita, storie empiriche e personali, invece, in questo sono anche aiutate da centinaia di citazioni di personaggi di tutti i tipi e di spiegazioni scientifiche su come funziona la neuropsicologia.

La filosofia del club delle cinque del mattino si può riassumere in pochi concetti chiavi:

  • la vita che viviamo è qualcosa che creiamo noi stessi, perciò, se vuoi avere risultati migliori in qualsiasi aspetto della tua vita, devi allenarti, per diventare un miglior creatore, il talento non è sempre la chiave del successo;
  • se vuoi ottenere risultati di un certo tipo, devi concentrarti e devi lavorare solo per quell’obbiettivo, senza perdere tempo con tutte le distrazioni, soprattutto digitali, che ci tentano ad uscire dalla nostra strada;
  • se vuoi che la vita ti dia tutto quello che vuoi, devi sposarla, devi impegnarti, e non smettere, non arrenderti davanti alle difficoltà, anzi, sfruttarle per imparare e renderti più forte e più capace.

In poche parole, è un libro semplice da leggere, pieno di citazioni e consigli pratici per migliorare la propria vita, che si possono anche personalizzare e modificare se uno non ha voglia di svegliarsi alle cinque del mattino.

L’avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.