Il club delle cinque del mattino (2019)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

Un po’ come Il monaco che vendette la sua ferrari, e Il leader che non aveva titoli, racconta la storia di due personaggi, una giovane imprenditrice e un eccentrico pittore, che incontrano ad un evento di un grande coach, uno stravagante e simpatico miliardario che li guiderà in un percorso di crescita individuale.

La più grande differenza con i prcedenti è che le spiegazioni che negli altri libri erano soltanto racconti di vita, storie empiriche e personali, invece, in questo sono anche aiutate da centinaia di citazioni di personaggi di tutti i tipi e di spiegazioni scientifiche su come funziona la neuropsicologia.

La filosofia del club delle cinque del mattino si può riassumere in pochi concetti chiavi:

  • la vita che viviamo è qualcosa che creiamo noi stessi, perciò, se vuoi avere risultati migliori in qualsiasi aspetto della tua vita, devi allenarti, per diventare un miglior creatore, il talento non è sempre la chiave del successo;
  • se vuoi ottenere risultati di un certo tipo, devi concentrarti e devi lavorare solo per quell’obbiettivo, senza perdere tempo con tutte le distrazioni, soprattutto digitali, che ci tentano ad uscire dalla nostra strada;
  • se vuoi che la vita ti dia tutto quello che vuoi, devi sposarla, devi impegnarti, e non smettere, non arrenderti davanti alle difficoltà, anzi, sfruttarle per imparare e renderti più forte e più capace.

In poche parole, è un libro semplice da leggere, pieno di citazioni e consigli pratici per migliorare la propria vita, che si possono anche personalizzare e modificare se uno non ha voglia di svegliarsi alle cinque del mattino.

L’avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.

perchè sono così povero?

perchè sono così povero?

Dicono che c’era una volta un bambino molto povero. Era nato in una famiglia povera, viveva in un quartiere molto povero e tutto quello che vedeva nella sua vita era povertà. Dicono che una notte, mentre dormiva tra le vecchie coperte che sua mamma aveva trovato per strada, sogno Dio e gli chiese: