il clonatore

09 May 22

Dicono che c’era una volta un grande scienziato specializzato nella clonazione, Iniziò con piccoli animali per poi osare con animali sempre più grandi, anche se il suo obbiettivo era sempre arrivare a clonare un uomo.

Sapeva riprodurre gli umani in maniera così perfetta che per molti era quasi impossibile siatinguere gli originali delle copie. Un giorno venne a sapere che l’angelo della morte lo stava cercando e, per sfuggire dal suo terribile destino decise di fare diei copie esatte di se stesso.

Infatti, il trucco funzionò e quando l’angelo della morte lo trovò, insieme al suo seguito, nemmeno lui potè distinguerli. Li osservò per un po’ ma, siccome non poteva capire chi era quello vero, decise di andare via per capire meglio come procedere.

Ma l’angelo giurò che sarebbe tornato presto. Infatti, la tregua non durò molto tempo perchè essendo un esperto di anime umane, gli venne in mente una strategia ingegnosa per scoprirlo.

La seconda volta che l’angelo della morte li visitò si mise a guardarli uno per uno e a parlare di quanto fosse difficile riconoscerli, parlava dei dettagli fisici, dei movimenti, dei gesti, descriveva con ammirazione che bel lavoro aveva fatto lo sicenziato.

– Bisogna riconoscere che sei stato proprio bravo a creare questi cloni così perfetti -disse, e sembrava stesse per arrendersi di nuovo, ma poi aggiunse- mi avevi quasi ingannato ma hai commesso un piccolissimo errore, le tue copie hanno un minuscolo diffetto…- aggiunse e aspettò.

L’ego dello scienziato iniziò a bollire dentro la sua testa fino a quando non potè impedire di parlare:

– Impossibile! -disse- Quale? 

– Questo -disse l’angelo e guardandolo negli occhi si portò via la sua anima- proprio qui, non è nei cloni ma nel clonatore…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.