Il Cigno Nero (2014)

I n diversi momenti in queste settimane mi sono trovate frasi e questo autore, Nassim Nicholas Taleb, che mi hanno colpita particolarmente. Appena sono riuscita ho cercato qualcosa di suo e, come spesso mi capita, ho letto due libri di fila. Oggi voglio parlarvi del più famoso: Il cigno nero, meraviglioso.

Il punto di partenza, la “teoria del cigno nero” che da nome al libro è una affermazione di Karl Popper, che dice qualcosa tipo “che nessuno abbia mai visto un cigno nero non vuol dire che non possa essistere un cigno nero”.

I cigni neri sono degli eventi rari, di grandissimo impatto e completamente imprevedibili, come l’invenzione della ruota, l’11 settembre, il crollo di Wall Street o il successo di Microsoft o di Google. Partendo dalla loro applicazione agli investimenti, e dall’analisi delle probabilità di guadagnare o perdere nei mercati bursatili, analizza tutto quello che di predecibile e impredecibile può sucedere o è sucesso nelle nostre vite.

Uno dei concetti più interessanti è quello del mediocristan ed estremistan come due possibili scenari, il primo in cui le cose non si possono allontanare particolarmente dalla media, che in realtà esiste solo in laboratorio ma spesso crediamo sia dappertutto.

Una delle cose che più mi è piaciuta è che condivide molti discorsi con pensieri lenti e veloci di Daniel Kahneman, entrambi parlano di come il nostro cervello ricostruisce le informazioni a posteriori e come non è così bravo a prevedere quanto possa sembrare.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.