il calendario dell’avvento

01 Dec 20

Ealla fine, anche in quest’anno così strano, è arrivato dicembre, e con lui, per alcuni, inizia l’avvento. Io non lo conoscevo prima di venire a vivere in Italia, ma, da quando sono nate le mie figlie è diventata una delle nostre abitudini più belle.

La versione base, quella tradizionale, per i bambini, prevede che ogni giorno si apra una finestrella che nasconde un cioccolatino. Non sono dei cioccolatini pregiati e sono molto piccolini, ma l’importante è il gesto, ed è un bellissimo esercizio di presenza, insegna ad aspettare e porta i bambini a godersi ogni giorno fino al natale in cui si spera arrivino dei veri regali.

Ultimamente, con il consumismo che sta conquistando sempre più il nostro mondo, tanti marchi hanno approfittato per fare il loro proprio calendario dell’avvento, un po’ come pubblicità (visto che ogni giorno si trova un assaggino) ma non solo perchè non costano pochissimo. Si possono trovare dei calendari di ogni tipo, profumi, trucchi, e persino  candele. E vendono anche degli insiemi di scatole o bustine per mettere i nostri regalini, scegliendoli noi.

La mia proposta oggi è un po’ diversa, invece di accumulare, potremo fare un calendario dell’avvento in cui ogni giorno ci togliamo qualcosa. In cui, ogni giorno, dal primo al ventiquattro, facciamo un po’ di spazio nella nostra vita, che sia reale o virtuale, usiamo questo conteggio alla rovescia di preparazione al Natale per fare pulizia e per fare spazio, ma anche per fare un viaggio nel tempo, per tornare un po’ bambini e un po’ come eravamo, per recuperare l’illusione, non solo del Natale ma di essere vivi, che avevamo da bambini.

Soprattutto quest’anno che è stato così duro per molti, così diverso per tutti, così sconvolgente e ci ha fatto accumulare più che mai dei pesi e delle emozioni che prima non avevamo.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a fare pulizie un giorno alla volta, tutte dello stesso tipo o di tipi diversi, cancellare quelle amicizie su facebook con cui non abbiamo contatti da tempo e che non ci interessa riprenderli, cancellare iscrizioni a newsletter che cancelliamo senza leggere e disfarci delle cose che non vogliamo. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.