Il buon amore nella copia (2020)

Tra i libri che ho letto per scrivere la nuova aventura di Felix, dopo Felix e il segreto delle chiavi magiche, uno di quelli che ho amato particolarmente é stato Il Buon Amore nella Coppia, quando uno più uno fa più di due, di Joan Garriga.

Garriga è un esperto di Costellazioni Familiari che, dopo anni al esperienze con persone e coppie, può spiegare in un modo che tutti possono capire, come possiamo imparare a distinguere il “cattivo amore” dal “buon amore” e a coltivare quest’ultimo.

Ma questi titoli di “buon” e “cattivo” amore non sono giudizi, sono osservazioni, potremmo anche parlare di amore “sano” e “insano”. Perchè c’è un amore sano, che integra tutta la realtà e tutti i suoi elementi o fattori, il passato, il presente, il futuro.

Un amore sano è quello che integra il nostro compagno come parte di noi, insieme ai nostri genitori, se ci sono anche ai figli, e altre persone importanti della nostra vita affettiva. Un amore sano ha capito e accettato che nessuno può rendere felice qualcun’altro perciò si responsabilizza della sua felicità e non di quella degli altri.

Un amore sano cerca, nella coppia, un equilibrio e un lavoro di squadra. Comprende che ci deve essere un dare e un  per stare bene. Un amore sano ama la vita tanto da non avere paura di soffrire.

Un amore malato o insano, cerca l’opposto, di controllare l’altro, di creare relazioni di dipendenza, di negare la realtà e la vita. Un amore insano crede nei doveri verso le altre persone. Nega che la felicità possa dipenderea da noi stessi, e cerca solo quella felicità che può venire da fuori negandosi ogni possibilità di essere felice veramente.

Una volta che sappiamo riconoscerli possiamo capire cosa stiamo facendo, cercando e offrendo e smettere se non vogliamo più avere i problemi che il nostro modo di fare crea.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.