Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta...

Un film che è stato paragonato a Parasite, per diversi motivi, per la crudeltà, per la forma in cui parla di privilegi e di come vengono usati. Ma non solo, ci sono riferimenti letterari (al Don Chixote di Cervantes e alla Divina Commedia di Dante), psicologici e religiosi.

Possiamo immaginare sia ambientato in un futuro distopico dove delle persone, alcuni dicono che sono prigioneri ma c’è anche chi va per scelta, perciò mi sembra più un esperimento tipo “grande fratello”, offerto anche ai condannati come alternativa alla prigione. Tutti vengono ospitati in celle disposte in verticale. In ogni cella si trovano due persone e ogni giorno il cibo scende dall’alto, si ferma per qualche minuto e poi scende di nuovo ai piani sotto e non si può trattenere nulla.

I residenti dei livelli superiori possono sfamarsi, sprecano e mangiano più di quanto dovrebbero, mentre a quelli più in basso non arriva niente. Ad ogni mese si cambia livello e non si sa mai dove si andrà.

È così astratto che ognuno può fare una sua lettura, io ho visto una storia sul karma, sulle leggi universali, sulle caste, e anche sulle reincarnazioni, ma anche ho visto un tocco di speranza.

Veramente forte, se non l’avete visto, guardatelo e ditemi cosa ne pensate… Questa volta sono particolarmente curiosa!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.