i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

– Prof – disse quello che aveva trovato il bigliettino – è vero che l’anima è la forma più alta di sè?
    – Direi di si, ma probabilmente il significato è diverso di quello che avete capito. Partiamo dal fatto che, per la scuola che potrebbe insegnare quella frase, i livelli sarebbero tre. Vediamo, secondo voi, quale sarebbe il livello più basso? – disse per incitare le loro giovani menti.

– Il corpo – dissero in coro, quasi tutti.
    – Bravi, el il secondo, quello appena superiore? – chiese poi il professore annuendo sorridente.

– La mente? – dissero alcuni, sempre all’unisono ma con l’intonazione da domanda.
    – Bene, – disse incoraggiante per chi aveva parlato e rassicurante con chi preferiva ascoltare – il terzo abbiamo già detto che è l’anima. Ora arriviamo alla domanda più importante. Secondo voi, cosa vuol dire “il più alto”? Non rispondete troppo in fretta, pensateci bene.

– Vuol dire il migliore, il più importante, no? – disse il ragazzo che aveva iniziato il discorso.
    – Ecco, non credo che sia questo il senso, ma grazie di aver condiviso con noi il tuo pensiero. – Disse il professore con un suono e un gesto che aveva imparato da un film di Robin Williams – In realtà, i livelli sono solo diversi, non si possono comparare. Non possiamo dire quale sia il più importante tra il corpo, la mente e l’anima, ognuno è ad un livello diverso e può interaggire con le cose che si trovano a quel livello. Mi seguite?

– Per vivere al meglio dobbiamo imparare ad usarli bene e allenarli tutti e tre. Per esempio, non possiamo mangiare con la mente e, senza cibarci, il gioco è finito. E non possiamo neanche comprendere o accettare i nostri ricordi con il corpo, infatti, quando si prende lui questa responsabilità ci fa ammalare. Per finire, non possiamo avere la prospettiva più elevata senza l’anima. Possiamo dire che l’anima è il più elevato o il più profondo dei livelli, ma non che sia il più importante.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Words and Pictures (2013)

Words and Pictures (2013)

Questa settimana ho letto su facebook che qualcuno aveva visto Words and Pictures, con Clive Owen e Juliette Binoche, e mi sono incuriosita, l’ho visto su rayplay e mi è proprio piaciuto. Un film che fa riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini.

la bestia è in noi

la bestia è in noi

Molti, quando parlo della bestia, si irrigidiscono e dicono “io non sono una bestia, io sono una persona educata”, martedì al nostro prossimo incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo come in realtà la bestia è un archetipo che si può trovare in ognuno di noi.

confusione di ruoli

confusione di ruoli

Una delle cause più importanti, secondo la mia esperienza personale e come coach la più importante in assoluto, della maggior parte dei problemi relazionali che troviamo in tutti i nostri rapporti è quella che possiamo chiamare “la confusione di ruoli”.