i monaci che ridono

07 Feb 22

Dicono che c’erano una in Cina, tre saggi i cui nomi non si ricordano più perché non li rivelarono mai a nessuno, che usavano la risata come la loro unica predica, non facevano altro che ridere: entravano in un villaggio, si mettevano in mezzo alla piazza, e iniziavano a ridere. 

Si dice che, piano piano, altre persone venivano contagiate da quella risata, finché si formava una piccola folla, e il semplice guardare quelle persone faceva scoppiare dal ridere tutti i presenti. Alla fine tutti gli abitanti venivano coinvolti dalla risata collettiva. A quel punto i tre monaci si spostavano in un altro villaggio.

Non insegnavano nulla, nel senso letterale del termine, non spiegavano e non condividevano pensieri profondi: si limitavano a creare quella situazione di leggerezza e pace interiore. Erano amati e rispettati in tutta la Cina: nessuno aveva mai fatto prediche o sermoni simili!

Essi comunicavano che la vita dovrebbe essere solo e unicamente una risata. E non ridevano di qualcosa in particolare: si limitavano a ridere, come se avessero scoperto lo «scherzo cosmico».

Dicono che quei monaci diffusero gioia infinita in tutta la Cina, senza usare una sola parola e che, quando con il tempo invecchiarono e uno di loro, un giorno morì, l’intero villaggio si chiese come avrebbero reagito gli altri due, nessuno riusciva ad immaginarsi quei monaci in lacrime e, infatti, anche accanto al cadavere del loro amico, i due ridevano a crepapelle.

– Non potrebbe esistere un addio migliore: possiamo solo ridere! – disse il più anziano guardando il morto che sembrava continuasse a ridere anche da morto. – Adesso ci rimane solo una cosa, rispettare il suo ultimo desiderio, ha chiesto di non cambiargli le vesti! Ha detto che aveva riso tanto nella sua vita, che nessuna impurità si era mai accumulata in lui.

Per convenzione, quando un uomo moriva, il corpo veniva lavato e gli abiti cambiati ma fecero quel che aveva chiesto e, quando il corpo del monaco fu posto sulla pira funebre per essere bruciato, si accorsero d’improvviso che nei vestiti aveva nascosto dei fuochi artificiali. A quel punto tutti risero con i monaci perchè capirono fino in fondo il loro messaggio.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.