Guerrieri metropolitani (2015)

22 Oct 21

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

Partendo dall’analisi di alcuni grandi campioni, dei loro grandi combattimenti, del loro stile nelle gare, arriva a una conclusione molto particolare, nei momenti in cui hanno dato il meglio di sè, non stavano pensando. È come se, per potere dare il meglio di sè, avessero avuto un alleato molto più forte di loro stessi e dei loro avversari. È come se fossero degli individui superiori, perchè hanno una marcia in più, non solo nelle arti marziali, ma in ogni aspetto della nostra vita.

Hanno una “superioritá” che possiamo acquisire se impariamo e applichiamo a noi stessi i loro principi, infatti, il fine dichiarato di questo libro è  radunare e addestrare dei monaci-guerrieri, uomini o donne, perchè possano affrontare la vita secondo un punto di vista eroico.

Un invito a fermarsi ad ascoltare  la nostra anima, che è collegata con tutto e che sa meglio di noi qual’è il colpo vinvente, perchè sa anche cosa sta per fare l’avversario, cosa sta per succedere, senza giudicarlo. Invece siamo abituati ad ascoltare sempre la mente, che con la sua smania di giudicare tutto secondo le sue dicotomie, non riesce a vedere o ad accettare molte cose.

 E anche a pensare con il cuore e a vivere nel qui e ora, unico spazio-tempo che esiste veramente al di fuori della nostra mente e in cui possiamo integrare l’EGO, perchè l’obbiettivo è smettere di identificarci con lui, non eliminarlo. Con l’EGO e la mente possiamo viaggiare nel tempo e nello spazio, rivivere il passato e immaginare il futuro e anche luoghi lontani, ma non saremo veramente lì, ma nell’immagine che la nostra mente ha di quei momenti o luoghi.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.