gli educatori

30 Mar 21

Uno dei mestieri più difficili e sottovalutati è quello dell’educatore, ci sono diversi tipi, gli educatori che lavorano con bambini, quelli che aiutano persone che hanno delle difficoltà fisiche o motorie, quelli che aiutano gli anziani, per le persone… sono sempre figure di riferimento molto importanti.

Come dicevo è un lavoro molto sottovalutato perchè la maggioranza crede che educare sia semplicemente dire cosa devono fare, sia dare degli ordini e farli rispettare, ma è molto più complesso. Questo modo di educare è molto umiliante perchè uccide l’individualità e rende il mondo sempre più mediocre.

Io sono di quelli che pensano, come diceva William Butler Yeats, poeta, e mistico irlandese, che educare non sia riempire un secchio ma sia più come accendere un fuoco. Un fuoco che è diverso per ognuno, e che non porta tutti allo stesso posto ma che aiuta ognuno a ritrovare la propria strada, perchè come educatrice non credo di sapere più dei miei educandi, solo cose diverse.

Oggigiorno, con tutta la superbia che sta regnando in questa fase della nostra storia, troppe persone si sentono educatori e vogliono educare e “svegliare” gli altri, contro la loro volontà, contro i loro principi, a forza, anche se per il loro bene.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a comprendere che quando qualcuno non è d’accordo con noi, quando non vede la realtà come noi, se vogliamo veramente aiutarlo, è più difficile farlo se lo facciamo sentire sbagliato, a trattare gli altri come vogliamo essere trattati, senza sensi di superiorità e nemmeno di inferiorità, consapevoli che nell’unione sta la forza e che più punti di vista sommiamo meglio sarà. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.