Gattaca (1997)

02 Aug 18

Oggi voglio parlarvi di un film futuristico di quelli che fanno riflettere sul perfezionismo e sull’evoluzione scientifica che non rispetta però l’evoluzione personale, Gattaca – La porta dell’universo. Con i meravigliosi Ethan Hawke, Uma Thurman e Jude Law. Una pellicola di fantascienza, con aspetti sociologici e psicologici, è ambientata in un futuro prossimo in cui sono emerse nuove lotte di classe tra chi è nato programmato geneticamente e chi è venuto al mondo con un patrimonio genetico naturale

Il film racconta la storia di come, in un prossimo futuro sia possibile far nascere esseri umani con un corredo genetico praticamente perfetto, selezionato, per poter prevedere in anticipo le future condizioni fisiche e di salute dei nascituri, artificialmente generati senza imperfezioni, “costruiti” su misura. In questo modo la società di divide in due classi scientificamente e oggetivamente diverse: i validi e i non validi, ovvero le persone nate con il metodo classico, con corredi genetici e futuri imprevedibili, destinati allo svolgimento dei lavori più umili e senza responsabilità… relegati ai margini della vita sociale.

Racconta la storia di Vincent, concepito in modo naturale. A chi, dalla nascita viene diagnosticata la stessa debolezza cardiaca del padre, e pronosticata la morte prima dei trent’anni. E dunque etichettato come non valido; che sogna di diventare un astronauta e, una volta diventato adulto, cerca di entrare a Gattaca, l’ente aerospaziale responsabile delle missioni interplanetarie.

Anche se conosce praticamente a memoria tutti i libri di testo per l’esame di ammissione, sa di non poter superare l’analisi genetica del suo sangue: una pratica formalmente illegale, ma che tutte le aziende, aggirando la legge con la scusa di un comune esame anti-droga, mettono sistematicamente in atto.

Ma, siccome ogni regola ha una modalità per essere raggirata, lui trova il modo di farlo con l’aiuto di un misterioso individuo, Jerome, un ex atleta valido nato geneticamente perfetto e che, divenuto paraplegico a seguito di un incidente, si è ritrovato completamente estromesso da un mondo che richiede la perfetta idoneità fisica. Contando su una vaga somiglianza fisica, e usando il suo dna, per le analisi.

Ve ne parlo perchè è una storia di superazione contro tutto e contro tutti, contro il destino e contro le leggi, contro i controlli e contro le previsioni. Per inseguire un desiderio profondo e vasto come l’universo.

Lo avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

a come a — bis — — bis — bis

a come a — bis — — bis — bis

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.

Joan Lui (1985)

Joan Lui (1985)

Oggi voglio parlarvi di un film molto particolare, italiano, vecchio, e molto discusso, criticato da alcuni e ammirato da altri, e che io ho adorato: Joan Lui, Ma un giorno nel paese arrivo io di lunedì, con un Adriano Celentano megalomane e divino.

Basta con queste ca**ate (2020)

Basta con queste ca**ate (2020)

Questa settimana voglio parlarvi del secondo libro Gary John Bishop che ho trovato, Basta con queste ca**ate. Come smettere di raccontarsi palle e godersi di più la vita, un invito a scoprire i tre pensieri che ci sabottano dal profondo del nostro inconscio e come sconfingerli.

Smettila di martellarti le palle (2018)

Smettila di martellarti le palle (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di un coach, Gary John Bishop, Smettila di martellarti le palle. Esci dalla tua testa ed entra nella vita vera, un invito a capire l’importanza che hanno i nostri pensieri nella nostra vita, un libro sulle affermazioni un po’ diverso dal solito.