Gandhi e lo zucchero

Dicono che c’era una volta una donna molto preoccupata per uno dei suoi figli, che aveva un rapporto malato con il cibo e, pur essendo diabetico, continuava a mangiare zucchero, mettendo a rischio la sua salute.

 Dicono che era disperata, quando quallcuno le disse di portarlo da Gandhi per via della sua saggezza e aveva fama di essere molto abile come consigliere e come persona capace di convincere gli altri.

La donna lo portò da lui e gli chiese di dirgli di smettere di mangiare zucchero. Ma Gandhi ci pensò un attimo e poi disse alla donna che avrebbe dovuto ritornare dopo tre settimane. 

La donna non capì ma ubbidì e tornò con il figlio dopo tre settimane e ripetè a Gandhi la sua richiesta.

In quel momento Gandhi guardò il ragazzo, li mise una mano sulla spalla e gli disse, guardandolo negli occhi, “Non devi più mangiare lo zucchero, capito?”

La donna tornò al suo paese con il suo figliolo e tanti dubbi. Il figlio smise di mangiare lo zucchero e la donna, più serena, decise che era ora di tornare da Gandhi, questa volta da sola, per chiedergli come mai la prima volta le avesse chiesto di tornare dopo tre settimane.

– Gandhi-ji, – disse – ti ringrazio perchè mio figlio ha smesso di mangiare zucchero e sta molto meglio ma sono tornata perchè ho una domanda che mi assale. Dal momento che, come sai, per venire da voi, dal nostro paese, ci vanno tre giorni. Mi chiedo perché non hai detto a mio figlio di smettere di mangiare zucchero la prima volta che te l’ho portato?

– Semplice, – rispose lui serenamente – la prima volta che me l’hai portato io ancora mangiavo tanto zucchero, non potevo dirgli di non fare qualcosa che io ancora facevo. Sarebbe stato ipocrita e non avrebbe funzionato.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Prendi in mano la tua vita (2020)

Prendi in mano la tua vita (2020)

Questa settimana mi è caduto tra le mani un libro di Ettore Amato, Prendi in mano la tua vita: 11 passi per realizzare i tuoi sogni. Mi è piaciuto veramente tanto, è un bel rissunto di tante strategie e tecniche, frutto del suo lavoro, raccontato in maniera molto semplice e pieni di esercizi pratici.

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Momenti di trascurabile felicità (2019)

Questa settimana, per caso su Nextflix, ho visto un bellissimo film italiano, Momenti di trascurabile felicità, diretto da Daniele Luchetti, con Pif e Thony, basato sull’omonimo libro di Francesco Piccolo sulla vita e la morte, sulle scelte che facciamo quando pensiamo di vivere per sempre.

due domande

due domande

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato di potere, di quelle cose che vorremmo fare ma non facciamo, perchè crediamo di non potere o di non dovere fare.