flow (1990)

07 May 21

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

Un libro molto bello, molti dicono che sia un classico fondamentale della psicologia contemporanea, che fu pubblicato per la prima volta nel 1990 e io ho “rubato” dalla libreria di mio padre negli anni novanta ma in Italia è sempre stato citato e studiato, ma ancora non era stato pubblicato.

Il concetto di flow, di flusso o di fluire, si riferisce a quello stato in cui ci troviamo quando tutto sembra andare liscio, senza sforzi, appunto, come se ci fosse un flusso che ci porta dove vogliamo andare.

Quando siamo nel flow, il tempo passa velocemente, ci dimentichiamo di mangiare o di dormire, siamo felici, riusciamo ad esprimere al massimo il nostro potenziale, a dare il meglio e a migliorare le nostre prestazioni e i nostri risultati, avvicinandoci sempre di più alla nostra consapevolezza e alla nostra autorealizzazione.

L’autore ha osservato persone che avevano avuto questi risultati un po’ in tutti i campi, dallo sport, all’arte, la scienza o gli affari e ha notato che quello che avevano in comune era che riuscivano a ricreare questo stato di totale concentrazione e assorbimento in ogni loro attività. Una sensazione simile alla trance agonistica.

Con la consapevolezza e le giuste conoscenze, dice, questa esperienza ottimale può essere ricercata e controllata, diventando uno strumento per sbloccare risorse che consentono di dare il meglio di sé.

L’avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

a come a — bis — — bis — bis

a come a — bis — — bis — bis

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrologia, dal momento che parliamo spesso delle diverse voci che abbiamo nella testa e l’astrologia psicologica può aiutarci a capirle e integrarle.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.