flow (1990)

07 May 21

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

Un libro molto bello, molti dicono che sia un classico fondamentale della psicologia contemporanea, che fu pubblicato per la prima volta nel 1990 e io ho “rubato” dalla libreria di mio padre negli anni novanta ma in Italia è sempre stato citato e studiato, ma ancora non era stato pubblicato.

Il concetto di flow, di flusso o di fluire, si riferisce a quello stato in cui ci troviamo quando tutto sembra andare liscio, senza sforzi, appunto, come se ci fosse un flusso che ci porta dove vogliamo andare.

Quando siamo nel flow, il tempo passa velocemente, ci dimentichiamo di mangiare o di dormire, siamo felici, riusciamo ad esprimere al massimo il nostro potenziale, a dare il meglio e a migliorare le nostre prestazioni e i nostri risultati, avvicinandoci sempre di più alla nostra consapevolezza e alla nostra autorealizzazione.

L’autore ha osservato persone che avevano avuto questi risultati un po’ in tutti i campi, dallo sport, all’arte, la scienza o gli affari e ha notato che quello che avevano in comune era che riuscivano a ricreare questo stato di totale concentrazione e assorbimento in ogni loro attività. Una sensazione simile alla trance agonistica.

Con la consapevolezza e le giuste conoscenze, dice, questa esperienza ottimale può essere ricercata e controllata, diventando uno strumento per sbloccare risorse che consentono di dare il meglio di sé.

L’avete letto? Cosa ne pensate?… Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.