Fino all’osso (2017)

D opo la quarantena, in cui la maggior parte di noi ha preso un po’ di chili, mi sono decisa a vedere Fino all’osso, con Keanu Reeves. Un bellissimo e conmovente film sull’anoressia, come forma di rifiutare il mondo e la vita.

Il film racconta la storia di questa ragazzina ventenne che non ha saputo gestire tutte le cose che sono successe nella sua vita e ha sviluppato una forma di anoressia che la sta uccidendo.

L’anoressia inizia come qualcosa di innocente, quasi una ricerca della propria personalità, e viene raccontata con disegni su un blog tumbler, ma peggiora quando una ragazzina che segue i suoi disegni si suicida lasciando un biglietto di addio per lei.

 Ve ne parlo perchè il dottore, Keanu Reeves, ha una modalità di cura molto simile a quella in cui lavoriamo i coach, accoglie, presenta punti di vista alternativi e sottolinea che il lavoro vero lo deve fare lei. Alla fine la lascia toccare il fondo perchè crede che, nel suo caso, sia utile. Nessun accanimento terapeutico o farmacologico, pochissime regole, solo un invito a riprendere il controllo.

E poi, una cura in due fasi, la prima consiste nello spiegare quel che si deve “capire” e la seconda nell’accompagnare chi ha capito fino a quando riesce a farlo.

Veramente bello, se non l’avete visto, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.