fiducia

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parlere-mo di una delle caratteristiche delle persone che riescono ad approfittare delle opportunità, delle persone che hanno più successo nella vita, la fiducia.

Ieri è successa una cosa particolare. Mentre tenevo una lezione di spagnolo, ha suonato il campanello una ragazza che mi ha chiesto se “Nome Cognome” abitava qui. Ho detto di si e mi ha detto “ho trovato il suo portafogli per terra in Via Roma”. Sono scesa temendo che mi avrebbe chiesto qualcosa in cambio, mi è successo tanti anni fa, ma niente. Me l’ha dato con un sorriso e se n’è andata.

Io, già di mio, sono una persona che ha tanta fiducia nell’umanità, e sono convinta che mi aiuti spesso, ma momenti come questo la fanno crescere. Una fiducia che non è cieca, non mi permette di rilassarmi del tutto, ma mi fa sperare che, se faccio tutto il possibile, quel che desidero si  possa avverare, anche se improvabile.

Martedì vedremo come la fiducia, che sia in noi stessi, negli altri, nella vita, nel futuro e nell’umanità, condiziona molto i nostri risultati in tre modi: ci da le forze per fare del nostro meglio, ci apre gli occhi per vedere delle opportunità più o meno nascoste, e soprattutto ci fa vibrare in modo tale che infondiamo anche negli altri più fiducia e volontà di partecipare, di collaborare con noi.

Vedremo anche come usare nel modo giusto la fiducia, per evitare delusioni, frustrazioni e altre insoddisfazioni. Perchè, come tante altre cose di cui parliamo negli incontri, la fiducia è una risorsa che va studiata, allenata e usata in un certo modo, usarla nel modo sbagliato può fare danni.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.