felici insieme

Quando diciamo che nessuno può farti felice e che non puoi fare felice nessuno, molti dicono che stiamo promuovendo l’egoismo e il vivere da soli. In realtà è l’opposto. Noi parliamo di essere felici insieme.

Abbiamo detto più volte che la felicità si trova dentro di noi e che quello che troviamo fuori sia, più che altro, piacere, e che per un fatto culturale, che non sarebbe così male se non fosse che alla fine ci fa allontanare dalla vera felicità, e ci fa perdere tempo e sentirci ancora peggio.

La felicità è qualcosa che possiamo sentire quando ci fermiamo un attimo, quando possiamo rilassare il nostro bisogno di giudicare tutto perchè ci sentiamo al sicuro. Quando diciamo che qualcuno ci rende felice, in realtà quello che fa è darci spazio perchè la nostra felicità possa emergere dal nostro interno. Infatti, quando vogliamo fare felice qualcuno, quello che facciamo è occuparci di lui o di lei, senza giudicare, e di cercare di evitarle il maggior numero di preoccupazioni e di stress, darle la possibilità di non pensare, e di rilassarsi.

Tutto il resto è solo piacere. E il problema del piacere, quello che viene da fuori, è che è effimero, costa molta fatica e dura poco. E, quel che è peggio, quando finisce ci lascia un senso di vuoto che è più grande del piacere in se, perciò ogni volta serve più piacere e più fatica. Perciò ci rende deboli e dipendenti.

 La vera felicità, invece, ci rende sempre più forti. Non ha bisogno di sforzo o fatica, ma solo di lasciarci andare. Di darci il permesso di non giudicare ogni nostro passo. Essere felici insieme vuol dire non giudicare noi o gli altri, non sforzarci per cambiare noi o gli altri. Se volete essere felici veramente, profondamente e a lungo, direi di cercare qualcuno con cui essere felici insieme, è il modo migliore più realistico e per tanto più duraturo di stare bene insieme.

Il mio invito possitivo di oggi è di non giudicare, nè noi stessi nè agli altri, in modo di dare alla felicità il suo spazio per fiorire. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.