fare quello che si vuole

Uno dei “concetti” più polemici del nuovo paradigma è quello del “fare ciò che si vuole”. Molti dicono che sia solo una mostra di egoismo e lo condannano. Molti pensano che sia meglio e più importante, come diceva il paradigma vecchio, fare quello che dobbiamo e non quello che vogliamo.

Il fatto è che, secondo me, facciamo sempre quello che vogliamo. Molti dicono che fanno quello che devono ma in realtà possiamo scegliere sempre se farlo o meno. E non è soltanto una questione di egoismo, anzi, direi che è questione di responsabilità, di libertà, di forza.

Il “dovere” non esiste, non è reale, è qualcosa dentro alla nostra testa che decidiamo sia più importante del resto. Ma la decisione, alla fine, è nostra. Possiamo sempre fare il contrario. Se facciamo quello che “dobbiamo” è perchè lo vogliamo.

Abbiamo sempre una scelta e, normalmente, scegliamo in funzio-ne del prezzo che crediamo di dover pagare. Ma non sempre, non tutti, abbiamo il coraggio di ammetterlo e di prenderci la responsa-bilità che è il costo della libertà.

Secondo me, uno dei più grandi problemi è proprio il fatto che nessuno crede di fare ciò che vuole, è tutto colpa di qualcun’altro, responsabilità di qualcun’altro e deve risolverlo qualcun’altro. E non crediamo di poter fare nulla, ci sentiamo sempre più deboli e piccoli.

Se ognuno di noi comprendesse e ammettesse che fa quello che vuole, saremmo tutti più felici, tutti, non solo alcuni, tutti. E potremo scoprire quello che possiamo fare. Ma, finchè alcuni continuino a scudarsi dietro la scusa del “dovere” la frustrazione e la paura saranno i sentimenti più diffusi.

Che ne dite? Proviamo a prenderci un po’ di più la responsabilità delle nostre scelte? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.