fare polemica

La settimana scorsa si è sentito molto parlare di bisogno di cambiare, di clima, di ambiente, di futuro, di bambini e di proteste per sensibilizzare i potenti, i governanti, e anche i votanti che, in teoria, li scelgono. Venerdì ci sono state delle manifestazioni in tutto il mondo, anche in Italia, molti si chiedono se adesso cambierà qualcosa.

La cosa più importante che ho da dire è che, davanti a una situazione del genere, ognuno di noi ha una scelta tra fare qualcosa o non fare nulla. E, coloro che scelgono di non fare nulla, spesso si giustificano facendo polemica al messaggero per togliere importanza al messaggio.

In questo caso… di Greta, la ragazzina che ha dato la sua faccia al movimento, che ha “iniziato” e “promosso” il tutto, ne hanno detto di tutti i colori, soprattutto in Italia. C’è chi ha detto che sembra un personaggio uscito da un film horror, a chi dice che è manovrata a chi dice che sbaglia bersaglio. Anche se qualcuno l’ha diffesa.

Su internet, su tutte le reti sociali, stanno girando messaggi e bufale di tutti i colori, da immagini del casino lasciato dietro le manifestazioni e critiche di qualsiasi tipo. E molti le condividono senza nemmeno controllare che siano vere. Per non parlare delle foto di Salvini con le trecce come la bambina.

Credo che sia un atteggiamento molto diffuso e che teniamo spesso. Vi siete mai chiesti in quante cose ci troviamo a fare lo stesso, a fare barzelette e polemica sulla superficie invece di indagare veramente e approfondire di più?

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.