fare il punto…

Ieri all’evento di facciamo pace abbiamo fatto il punto della situazione degli sviluppi di quest’anno d’incontri. Abbiamo parlato delle voci nella nostra testa, delle squadre dell’EGO e dell’anima, o dell’essenza, come dicono alcuni nostri testi, e anche del coaching olistico, che ci insegna anche a sfruttare le cose che funzionano in alcuni ambiti della nostra vita, come il processo per fare il punto della situazione al lavoro, anche negli altri…

Abbiamo parlato di come la squadra dell’EGO ci voglia solo proteggere, anche se ci crea tanti problemi, perchè ci fa sentire piccoli, piccoli, indifesi e tanto limitati… E di come la squadra dell’anima ci voglia fare esperimentare qualsiasi cosa, anche se pericolosa, anche se secondo la morale è sbagliata, anche se secondo la cultura è sbagliata.

Abbiamo parlato del R.A.D.A.R., che è uno strumento che possiamo usare in ogni momento per fare il punto delle situazioni e per prendere le decisioni giuste, con questo acronimo, palindromo e pieno di significato che ci può guidare nella presa di decisioni quando tutto è confuso e le informazioni che ci danno gli occhi non bastano… per ora vi accenno soltanto il significato delle iniziali:

R sta per REALTÀ, REALISMO, RESPONSABILITÀ, RESILIENZA, RISPETTO… per iniziare la nostra analisi della situazione, nel modo migliore possibile… senza farci fregare da quello che dovrebbe essere…A sta per ANALIZZARE, ALTERNATIVE, APERTURA MENTALE… necessaria per poter sviluppare delle possibili risposte alla domanda… e ADESSO cosa faccio? qui, e con quello che ho, per avvicinarmi al mio obbiettivo.D sta per DECIDERE, DEFINIRE una strategia, una pianificazione, una programmazione e dei passi da DARE tra quelli che avevamo analizzato nel passo precedente, ricordando che anche non decidere è una DECISIONE.A sta per AZIONE, ATTEGGIAMENTO, perchè abbiamo visto più volte nei nostri incontri che non conta tanto cosa facciamo quanto l’atteggiamento con cui lo facciamo…R sta per RISULTATI, RETROALIMENTAZIONE, RIVEDERE, RICOMINCIARE… perchè lo strumento si usa in maniera ciclica, ogni finale è un inizio in cui valutiamo com’è andata e se ripetere o cambiare qualcosa.

C’eravate?! Come vi è sembrato? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

il giardino della mamma

il giardino della mamma

Dicono che c’era una volta un ragazzino che abitava con sua mamma in una abitazione modesta ma circondata da un meraviglioso giardino. l giardino era talmente bello e ricco di fiori che la gente veniva da lontano per ammirarlo.

Il buon amore nella copia (2020)

Il buon amore nella copia (2020)

Tra i libri che ho letto per scrivere la nuova aventura di Felix, dopo Felix e il segreto delle chiavi magiche, uno di quelli che ho amato particolarmente é stato Il Buon Amore nella Coppia, quando uno più uno fa più di due, di Joan Garriga.

Altruisti si diventa (2016)

Altruisti si diventa (2016)

Ok, lo ammetto, devo sfruttare al massimo l’investimento fatto su Netflix, ma bisogna dire che, cercando bene, si trovano dei film carini e particolari. L’ultimo che ho visto è stato Altruisti si diventa con Paul Rudd e Selena Gomez.

parlare per assoluti

parlare per assoluti

In questi giorni ho visto un video molto interessante preparato dai ragazzi del mensa italia sulle dieci fallacie argomentative più comuni che troviamo nelle conversazioni, nelle discussioni, usate in maniera consapevole e inconsapevole.

my way

my way

Una delle più grandi bugie di cui ci hanno convinti tutti, secondo me, è che c’è qualcosa di giusto, e di sbagliato, per tutti noi. Che c’è una verità, unica e assoluta, per tutti. E che i nostri problemi siano conseguenza del nostro discostarci da essa.

affrontare la pausa

affrontare la pausa

Dicono che c’era una volta un ragazzo che voleva diventare monaco ma quando fu al monastero gli dissero che prima doveva prepararsi. Avrebbe dovuto stare da solo due mesi nella sua casa e poi l’avrebbero ammesso.