facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

Ricordo quando sono arrivate le lattine con “apri facile”, ricordo che molte non si aprivano così facilmente e il mio fidanzato all’epoca si lamentava ogni volta. Per me non era un problema perchè avevo l’apri lattine.

Di questo sono passati più di vent’anni e di attrezzi che usiamo per fare qualsiasi attività con maggior facilità siamo stati invasi. I primi furono i telecomandi per non dover alzarsi per cambiare il canale o spegnere la televisione o altri elettrodomestici. Questi ci hanno resi sempre più sedentari e pigri.

Ma poi si sono aggiunti altri gadget di ogni tipo per rendere più facile qualsiasi attività. Perchè chiunque possa fare qualsiasi cosa senza bisogno di forza e soprattutto senza bisogno di pensare.

Ed è sempre peggio, più che altro per le nuove generazioni, già che si inizia sempre più presto con l’eccesso di protezionismo delle mamme con i loro bambini. Questi si abituano ad avere tutto facile e non rinforzano i muscoli quando sono più elastici. Li portiamo lo zaino all’uscita di scuola, facciamo di tutto perchè possano concentrarsi in quello che stanno facendo, e finiscono per non essere in grado di fare niente che esca dal loro solito.

Questo eccesso di attrezzi uccide la nostra immaginazione e la nostra creatività ma soprattutto ci rende più fragili e suscettibili alla frustrazione e al fatalismo…

Che ne dite? Proviamo a sviluppare i nostri muscoli e a pensare a come risolvere i nostri problemi anche senza gadgets? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La sconfitta è uno stato mentale: nessuno viene mai sconfitto, a meno che non abbia accettato la sconfitta come una realtà.

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.