essere realisti

Ieri all’incontro di facciamo pace abbiamo parlato di cosa significa essere realisti, e di come per molti è un sinonimo di accontentarsi di quello che abbiamo e non cercare nient’altro. Per noi, invece, il realismo è una caratteristica del punto di partenza, opposto soltanto alla fantasyland delle cose che dovrebbero essere. Solo se partiamo della realtà così com’è possiamo cambiarla e meglio la conosciamo, più adeguate saranno le nostre mosse.

Perciò la prima cosa da capire e comprendere è che noi non possiamo vedere tutte le sfaccettature della realtà. Ognuno vede le cose dal suo punto di vista, filtrate dalla posizioni in cui si trova, dalle emozioni, dalle aspettative, dalle credenze… Perciò per avere un’immagine più completa e più vicina a quella “vera”, dobbiamo confrontarci e aggiungere le informazioni che riceviamo dagli altri (che hanno filtri diversi) al nostro caleidoscopio di possibilità.

Poi abbiamo parlato di responsabilità, perchè è una delle parole che recupera il suo significato originario con il nuovo paradigma ed è molto legata al realismo e al concetto di fantasyland. Quando capiamo quali sono le nostre responsabilità, e smettiamo di spendere energie in cose che realmente non possiamo cambiare… diventiamo più realistici e, di conseguenza, più efficaci.

Perciò lo strumento magico che possiamo usare per avere successo è il rendersi conto, e il non impuntarsi su avere ragione, o sul fatto che la razionalità abbia più valore delle altre nostre capacità, perchè ognuna di esse vede una faccia della realtà e più facce vediamo meglio potremo prevedere dove ci porteranno i nostri passi.

Cosa ne pensate? C’eravate? Ho dimenticato qualcosa di importante? Sono curiosa dei vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.

Letargo

Letargo

Per me l’inizio di quest’anno è stato difficile, sono stata male fisicamente, prima con una pesante influenza e poi con quella che sembrava una intossicazione alimentare, non ho avuto febbre ma sono stata la maggior parte del tempo a letto.

il discepolo attaccabrighe

il discepolo attaccabrighe

Dicono che c’era una volta un giovane che salpò una sera dal porto con una piccola barca a vela per navigare per un paio d’ore, la barca era di suo zio e non sapeva navigare bene ma non pensava di allontanarsi molto dalla riva. Ma all’improvviso lo sorprese una forte tormenta che lo portò al largo senza alcun controllo.