essere realisti

Ieri all’incontro di facciamo pace abbiamo parlato di cosa significa essere realisti, e di come per molti è un sinonimo di accontentarsi di quello che abbiamo e non cercare nient’altro. Per noi, invece, il realismo è una caratteristica del punto di partenza, opposto soltanto alla fantasyland delle cose che dovrebbero essere. Solo se partiamo della realtà così com’è possiamo cambiarla e meglio la conosciamo, più adeguate saranno le nostre mosse.

Perciò la prima cosa da capire e comprendere è che noi non possiamo vedere tutte le sfaccettature della realtà. Ognuno vede le cose dal suo punto di vista, filtrate dalla posizioni in cui si trova, dalle emozioni, dalle aspettative, dalle credenze… Perciò per avere un’immagine più completa e più vicina a quella “vera”, dobbiamo confrontarci e aggiungere le informazioni che riceviamo dagli altri (che hanno filtri diversi) al nostro caleidoscopio di possibilità.

Poi abbiamo parlato di responsabilità, perchè è una delle parole che recupera il suo significato originario con il nuovo paradigma ed è molto legata al realismo e al concetto di fantasyland. Quando capiamo quali sono le nostre responsabilità, e smettiamo di spendere energie in cose che realmente non possiamo cambiare… diventiamo più realistici e, di conseguenza, più efficaci.

Perciò lo strumento magico che possiamo usare per avere successo è il rendersi conto, e il non impuntarsi su avere ragione, o sul fatto che la razionalità abbia più valore delle altre nostre capacità, perchè ognuna di esse vede una faccia della realtà e più facce vediamo meglio potremo prevedere dove ci porteranno i nostri passi.

Cosa ne pensate? C’eravate? Ho dimenticato qualcosa di importante? Sono curiosa dei vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.

l’imperatore e lo yogi

l’imperatore e lo yogi

Dicono che c’era una volta un grande imperatore che, in viaggio per le sue terre sentì parlare di un monaco che era molto saggio e pensò che gli farebbe comodo averlo con lui a corte e così andò a cercarlo.

siamo tutti speciali

siamo tutti speciali

Spesso, quando parliamo con conoscenti e amici dei nostri problemi ci sentiamo diversi, perchè a noi succedono cose che a loro non sono successe e viceversa. Spesso questo finisce con un incomprensione o quel che è peggio con un confronto in cui qualcuno deve uscire vencitore perchè sta meglio o peggio.