essere limitato o avere limiti

La prossima settimana continueremo a parlare delle ragioni per cui non riusciamo a fare quello che vorremmo. In questo prossimo incontro, partiremo dalla domanda con cui abbiamo chiuso l’ultimo. Quando non riesci a fare le cose che vorresti, è per come sei (o non sei) o per quello che hai (o non hai).

Questo è un esercizio di osservazione per capire meglio come funzionano i nostri pensieri per poterli comprendere e cambiare per ottenere quello che vogliamo. Si tratta di ascoltare come raccontiamo la nostra propria storia, perchè uno dei modi più economici in tempo e denaro per cambiarla è iniziare a cambiare come la raccontiamo.

Il gioco dell’essere o avere è un esercizio per ridurre il peso delle limitazioni. Se io penso che non posso ottenere qualcosa perchè “sono” o “non sono“, in un certo modo, questa limitazione ha un peso specifico molto alto. Se, invece, penso di non potere ottenere o fare qualcosa perchè “ho“, o “non ho“, certe caratteristiche, certe limitazioni, certe circostanze… mi è più facile immaginare di cambiarle.

Un esempio pratico banalissimo, posso dire che “sonotroppo grasso, e questa parola, come tutto quello che scrivo dopo la parola “io sono” avrà un peso tale che non mi lascierà pensare di poterlo cambiare, o che “hotroppi chili in più rispetto al peso ideale. In ogni caso sto dicendo la stessa cosa ma nel primo non sembra che io lo possa cambiare, nel secondo si vede che è qualcosa che ho, che ho acquisito, e che… come li ho accumulati li posso perdere. Non preferisco la seconda opzione perchè sia più o meno vera, ma perchè mi limita di meno.

Se riusciamo a trovare un modo di cambiare tutti i “io sono” che ci limitano per dei “io ho” questo problema, questa caratteristica, questa circostanza, saremo più vicini all’uscita e staremo aiutando noi stessi a cambiare, a migliorare, ad evolverci verso il nostro vero io.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.

il demone della rabbia

il demone della rabbia

In questi post dedicati ai demoni abbiamo già parlato del demone della colpa, e di quello della paura, oggi voglio parlarvi di quello della rabbia, un’altro demone molto potente che ci porta a fare cose di cui poi ci pentiamo, così da attrarre gli altri due.