essere limitato o avere limiti

La prossima settimana continueremo a parlare delle ragioni per cui non riusciamo a fare quello che vorremmo. In questo prossimo incontro, partiremo dalla domanda con cui abbiamo chiuso l’ultimo. Quando non riesci a fare le cose che vorresti, è per come sei (o non sei) o per quello che hai (o non hai).

Questo è un esercizio di osservazione per capire meglio come funzionano i nostri pensieri per poterli comprendere e cambiare per ottenere quello che vogliamo. Si tratta di ascoltare come raccontiamo la nostra propria storia, perchè uno dei modi più economici in tempo e denaro per cambiarla è iniziare a cambiare come la raccontiamo.

Il gioco dell’essere o avere è un esercizio per ridurre il peso delle limitazioni. Se io penso che non posso ottenere qualcosa perchè “sono” o “non sono“, in un certo modo, questa limitazione ha un peso specifico molto alto. Se, invece, penso di non potere ottenere o fare qualcosa perchè “ho“, o “non ho“, certe caratteristiche, certe limitazioni, certe circostanze… mi è più facile immaginare di cambiarle.

Un esempio pratico banalissimo, posso dire che “sonotroppo grasso, e questa parola, come tutto quello che scrivo dopo la parola “io sono” avrà un peso tale che non mi lascierà pensare di poterlo cambiare, o che “hotroppi chili in più rispetto al peso ideale. In ogni caso sto dicendo la stessa cosa ma nel primo non sembra che io lo possa cambiare, nel secondo si vede che è qualcosa che ho, che ho acquisito, e che… come li ho accumulati li posso perdere. Non preferisco la seconda opzione perchè sia più o meno vera, ma perchè mi limita di meno.

Se riusciamo a trovare un modo di cambiare tutti i “io sono” che ci limitano per dei “io ho” questo problema, questa caratteristica, questa circostanza, saremo più vicini all’uscita e staremo aiutando noi stessi a cambiare, a migliorare, ad evolverci verso il nostro vero io.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Spero di si… se vi va di partecipare, vi aspetto!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

il giardino della mamma

il giardino della mamma

Dicono che c’era una volta un ragazzino che abitava con sua mamma in una abitazione modesta ma circondata da un meraviglioso giardino. l giardino era talmente bello e ricco di fiori che la gente veniva da lontano per ammirarlo.

Il buon amore nella copia (2020)

Il buon amore nella copia (2020)

Tra i libri che ho letto per scrivere la nuova aventura di Felix, dopo Felix e il segreto delle chiavi magiche, uno di quelli che ho amato particolarmente é stato Il Buon Amore nella Coppia, quando uno più uno fa più di due, di Joan Garriga.

Altruisti si diventa (2016)

Altruisti si diventa (2016)

Ok, lo ammetto, devo sfruttare al massimo l’investimento fatto su Netflix, ma bisogna dire che, cercando bene, si trovano dei film carini e particolari. L’ultimo che ho visto è stato Altruisti si diventa con Paul Rudd e Selena Gomez.

parlare per assoluti

parlare per assoluti

In questi giorni ho visto un video molto interessante preparato dai ragazzi del mensa italia sulle dieci fallacie argomentative più comuni che troviamo nelle conversazioni, nelle discussioni, usate in maniera consapevole e inconsapevole.