empatia consapevole

08 Jul 20

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti“. Loro non sono completamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.

Abbiamo già parlato sia di empatia che di consapevolezza, oggi vorrei soffermarmi sul fatto che l’empatia se non è consapevole può fare molti danni.

L’empatia, come dicevamo allora, è la capacità di sentire il dolore dell’altro, la sua tristezza, insomma, le sue emozioni. L’empatia ci fa sentire emozioni non nostre che vanno a mischiarsi con le nostre.

Ma il rischio è che, insieme alle emozioni, possono arrivare il senso di impotenza o la disperazione che fanno fare follie e anche andare contro noi stessi. Il rischio è che, la nostra empatia ci porti a lottare contro demoni non nostri e in questo caso è impossibile vincere.

La consapevolezza ci aiuta a separarle. La consapevolezza ci permette di essere di aiuto, per gli altri e per noi stessi. L’empatia per qualcuno che soffre ci porta a proteggerlo o a difenderlo.

La empatia consapevole, invece, ci porta a rinforzarlo, a guidarlo e creare uno spazio/tempo in cui possa aiutarsi da solo. Sentiamo il loro dolore o la loro rabbia ma possiamo osservarli con il giusto distanziamento.

Il mio invito possitivo di oggi è a praticare questo tipo di empatia, ad usare la testa insieme al cuore, a non pensare che dobbiamo sempre scegliere. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.