eccezioni e scuse

25 Aug 20

La settimana scorsa abbiamo parlato di regole ed eccezioni, e di come quella che crediamo sia la regola definirà quello che ci  troveremo più spesso nella nostra realtà. Ma c’è ancora una riflessione che vorrei fare con voi.

È una frase che ho trovato da qualche parte, non ricordo se era in un libro, un film o un telefilm, qualcosa tipo “la gente applica le regole agli altri e trova le eccezioni per se stessi“, io ci metterei, chiaramente un “normalmente” o un “spesso”, ma l’idea è molto interessante.

C’è chi lo fa per sentirsi superiore, pensando che gli altri non fanno quel che dovrebbero e che lui è l’unico a fare le cose nel modo giusto; e chi lo fa per sentirsi inferiore, pensando che gli altri fanno, possono fare, delle cose che lui o lei non riesce, ma alla fine si tratta di sentirsi diversi.

Il fatto è che questa suddivisione, questo giudizio, è una delle modalità di pensiero con cui la nostra mente ci frega, distorce la realtà per darci ragione e non ci permette di vedere la strada che potrebbe portarci alla felicità, o anche solo alla soluzione dei nostri problemi. A quella soluzione che non rispetta le divisioni nette tra giusto e sbagliato, tra regolare ed eccezionale.

Il fatto è che ci sono le regole e le eccezioni. A volte faremo delle azioni che ci mettono dalla parte della regola e a volte faremo delle cose che ci metteranno dalla parte dell’eccezione. Ma quest’analisi non serve a nulla, non è importante, è piuttosto banale e può portarci solo a farci delle seghe mentali. Non importa se siamo parte della regola o dell’eccezione, importa solo per quale Dio stiamo lavorando.

Il mio invito possitivo di oggi è di provare a raggirare questa modalità di pensiero ogni volta che ci presenti. Ogni volta che pensiamo, o sentiamo, di essere inferiori o superiori. Ogni volta che vediamo qualcuno fa qualcosa che noi non avremo fatto mai, o che crediamo che non riusciremo mai a fare vi invito a trovare dei punti in comune con quella persona invece che delle differenze. Vi va?

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. superare gli ostacoli ⋆ Amor Ben, ottimizzatrice... - […] nella vita, spesso, i problemi diventano scuse. E declassano tutti i nostri voglio alla categoria di vorrei. Vorrei guadagnare…

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.