eccezioni e scuse

La settimana scorsa abbiamo parlato di regole ed eccezioni, e di come quella che crediamo sia la regola definirà quello che ci  troveremo più spesso nella nostra realtà. Ma c’è ancora una riflessione che vorrei fare con voi.

È una frase che ho trovato da qualche parte, non ricordo se era in un libro, un film o un telefilm, qualcosa tipo “la gente applica le regole agli altri e trova le eccezioni per se stessi“, io ci metterei, chiaramente un “normalmente” o un “spesso”, ma l’idea è molto interessante.

C’è chi lo fa per sentirsi superiore, pensando che gli altri non fanno quel che dovrebbero e che lui è l’unico a fare le cose nel modo giusto; e chi lo fa per sentirsi inferiore, pensando che gli altri fanno, possono fare, delle cose che lui o lei non riesce, ma alla fine si tratta di sentirsi diversi.

Il fatto è che questa suddivisione, questo giudizio, è una delle modalità di pensiero con cui la nostra mente ci frega, distorce la realtà per darci ragione e non ci permette di vedere la strada che potrebbe portarci alla felicità, o anche solo alla soluzione dei nostri problemi. A quella soluzione che non rispetta le divisioni nette tra giusto e sbagliato, tra regolare ed eccezionale.

Il fatto è che ci sono le regole e le eccezioni. A volte faremo delle azioni che ci mettono dalla parte della regola e a volte faremo delle cose che ci metteranno dalla parte dell’eccezione. Ma quest’analisi non serve a nulla, non è importante, è piuttosto banale e può portarci solo a farci delle seghe mentali. Non importa se siamo parte della regola o dell’eccezione, importa solo per quale Dio stiamo lavorando.

Il mio invito possitivo di oggi è di provare a raggirare questa modalità di pensiero ogni volta che ci presenti. Ogni volta che pensiamo, o sentiamo, di essere inferiori o superiori. Ogni volta che vediamo qualcuno fa qualcosa che noi non avremo fatto mai, o che crediamo che non riusciremo mai a fare vi invito a trovare dei punti in comune con quella persona invece che delle differenze. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Un amico straordinario (2019)

Un amico straordinario (2019)

La settimana scorsa, mentre cercavo il trailer di Big ho trovato questo film di Tom Hanks che mi era sfuggito quando era uscito: Un amico straordinario, un film che racconta una storia vera, la storia di Fred Rogers, personaggio televisivo amato dai bambini negli Stati Uniti.

cavalcare la tigre

cavalcare la tigre

La settimana scorsa abbiamo parlato della terapia narrativa come un modo di viaggiare nel tempo ma, forse sarebbe più accurato ancora parlare di questi esercizi come di viaggi nella nostra immaginazione.

i nostri maestri

i nostri maestri

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.