l’eccesso di sicurezza

Si dice che le barche sono più sicure nel porto, tuttavia non è per questo che sono state costruite. Detto così sembra ovvio ma, se cerchiamo di allargare il concetto ad altri aspetti della nostra vita non sempre è così semplice. A volte la paura ha la meglio ed esageriamo con la sicurezza fino a inmobilizzarci.

Chi mi segue sa che dico spesso che le emozioni principali che ci guidano sono l’amore e la paura. L’amore verso le cose che vogliamo, che ci piacciono, che ci ispirano o ci incuriosiscono… ci porta a muoverci, a fare delle cose, a rischiare e a provare anche quando non siamo sicuri dei risultati.

Invece, la paura, ci blocca, ci fa sopravalutare i rischi e sottovalutare i possibili benefici. Ci fa rimanere nel porto, parlando di tempeste e di squali in alto mare. Ci fa rimanere nella nostra zona di comfort, evitando di vivere appieno. Il rischio che non teniamo mai a mente quando facciamo questo tipo di scelte è quello di pentirci dopo, quello di pentirci poi, alla fine.

Molti motivatori dicono di ignorare la paura, di rischiare sempre, a  tutti i costi,  di fare tutto quello che temiamo e non fermarci mai. Ma considero questa tecnica un po’ troppo rischiosa e, come tutte le esagerazioni, non del tutto efficace.

Il mio consiglio è quello di trovare un equilibrio. Tra la paura che ci fa rinunciare e la passione che ci fa rischiare.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.

l’ottavino

l’ottavino

Dicono che c’era una volta una orchestra famosa, conosciuta da tutti perché la loro musica era perfetta, speciale, unica, e suonava come una melodia celestiale. Ovunque suonavano, il pubblico rimaneva sempre affascinato…