dolore e sofferenza

Uno degli argomenti ricorrenti nelle conversazioni sul coaching e sul nostro potere sulla nostra vita è la differenza fra dolore e sofferenza. Nel linguaggio comune sono due parole spesso interscambiabili, perchè in superficie sono molto simili, ma appena andiamo un po’ in profondità vediamo che sono due cose molto diverse.

Il dolore è quello che succede quando qualcosa dall’esterno ci ferisce, dal piccolo colpo sul mignolo con l’angolo di un mobile alla perdita di un essere amato. Il dolore può essere lancinante, straziante e intollerabile. È qualcosa di fisico, di fisiologico, di inevitabile. Ma, la sua intensità non può durare all’infinito.

La sofferenza è tutto quello che ci costruiamo attorno. Non è fisica ma psicologica, e non dipende più dall’esterno ma da noi. La sofferenza è quello che pensiamo della situazione che ci ha ferito, che non è giusto, che non possiamo vivere senza quello che abbiamo perso, che non riusciremo mai a superarlo.

La differenza che può esserci utile è che il dolore non dipende da noi, ma la sofferenza si. Perciò, dal momento che in ogni malessere c’è una parte di dolore e una di sofferenza, quando pensiamo che sia tutto “dolore” ci sentiremo impotenti. Se, invece, riusciamo a riconoscere la differenza, a separare ed eliminare la parte di sofferenza che dipende da noi, ci sentiremo potenti e grandi.

Non dico che sia semplice o facile, quello che dico è che prima capiamo cosa dobbiamo fare, quali sono le domande giuste da fare e qual è la strada per uscire dal nostro malessere, prima potremo uscirne.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.