divieti

Quando ricorderemo e racconteremo questo periodo in futuro, la parola più importante forse sarà divieti. Pochi ricorderanno le vittime, i sintomi se si sono ammalati, dimenticheremo anche persino i danni economici, perchè sono cose a cui siamo abituati.

La risposta al COVID-19 è stata, a livello mondiale, e seguendo le indicazioni dell’OMS, quella di paralizzare il pianeta con dei divieti. Prima di andare a scuola, di uscire di casa, di vedere i nostri cari, di fare movimento, di prendere il sole, ecc.

Se dovessi fare uno dei miei acronimi per le mie riflessioni e le mie paure legate al covid, inizierei per parlare di credibilità, senza arrivare ad essere complottista, quella del covid è una storia, che ci hanno raccontato per giustificare delle misure imposte a tutti usando la forza più grande, la paura.

Seguirebbe con oscurantismo, perchè in un ventunessimo secolo in cui di tutto si chiedono prove e riprove, per il COVID si è fatto tutto al contrario, hanno detto che era una pandemia quando ancora non c’erano i numeri, mai si erano sentiti i “morti con” una malattia, invece che “da” una malattia. Tutte le misure sono state prese in funzione di questi numeri. Come se contassimo gli incidenti di auto dei fumatori come morti da tabagismo.

Poi ci sarebbe la velocità, per superare il nostro normale bisogno di verità, tutto si è dovuto fare in fretta e furia, senza tempo per pensarci meglio, per prepararci, per analizzare altre alternative nè tutte le conseguenze. E, non potendo ammettere la loro palese incompetenza, hanno solo potuto trattarci come inutili, imbecilli, ragazzini da governare, da guidare, senza nessun tipo di spiegazioni, solo con ordini facili da comprendere.

Infatti, l’unica soluzione che hanno trovato è stata quella di usare i divieti, proibire tutto, persino, dalle ultime notizie, le autopsie. Nemmeno per malattie contagiose di quelle che solo nei film si negano le autopsie.

Con questo post voglio solo invitarvi a essere critici, perchè non possono proibirci di pensare, anche se ci stanno portando a farlo con le loro parole scelte molto saggiamente… per proteggerci.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.