dividi et impera

In questi giorni molti sono preoccupati per il covid e tanti altri per il modo in cui stanno gestendo questa “pandemia“, manipolando dati, menti ed emozioni, senza nessun pudore. Oggi voglio parlare della cosa peggiore che, credo, questa situazione ci stia lasciando.

 Ed è questa sensazione di essere tutti contro tutti. Non sembra anche a voi? Questo periodo ci ha esasperati e portati a toccare i nostri limiti, ognuno i suoi, ci ha portati a rivedere tutte le cose che ci siamo abituati ad accettare anche se non eravamo d’accordo.

Lo stato a cui abbiamo delegato la regolazione della nostra vita e la medicina a cui abbiamo delegato la nostra salute hanno deciso di esagerare e non abbiamo potuto fare niente, almeno nell’immediato.

Questa situazione sta portando un po’ tutti ad essere sempre un po’ tanto nervosi, intransigenti e indolenti e a prendercela con chi possiamo. Con il vicino che porta a spasso il cane quando eravamo nel lockdown, con quelli che vengono segnalati  “untori” dall’ultima notizia che gira su qualsiasi mezzo, ecc.

Ma non solo per quanto riguarda la malattia e il pericolo, ieri sono stata sgridata perchè facevo fare i bisogni al cane sul marciapiedi. E in questi giorni ho visto e sentito storie di tutti i colori di gente che sta veramente dando di matto, che se la prende con intere categorie di persone, quelli diversi, per età, per nazionalità, per colore della pelle, per livello economico, per qualsiasi attività che noi non facciamo. C’è sempre qualcuno che si lamenta e da la colpa di quel che succede al vicino diverso

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a rilassarci e a fare un passo indietro prima di lamentarci di altri, ad approfondire la nostra analisi fino a quando riusciamo a trovare quel che abbiamo di simile con quello che ci sembra così diverso, in modo

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

I lunedì al sole (2002)

I lunedì al sole (2002)

Questa settimana, in questo clima di desunione che sembra stia toccando picchi molto forti, mi sono guardata I lunedì al sole, un film spagnolo che parla di un paese distrutto da una crisi economica settoriale.

chiusi dentro

chiusi dentro

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per la prima volta online, parleremo di come ci fa sentire questo clima di chiusura, física e mentale che ci sta avvolgendo sempre di più.

si salvi chi può

si salvi chi può

In questi giorni di DCPM e misure anti COVID, di gente che ci crede e gente che continua a fare domande, in cui tanti accusano gli altri di essere i colpevoli di questa situazione, l’unica cosa chiara che riesco a tratte è che siamo al “si salvi chi può”.