divide et impera

In questi giorni di inizio dell’apertura e della ripresa dopo COVID stiamo vedendo gli effetti della quarantena sulle persone, e non sono gli stessi su tutti, tutti abbiamo un mix di voglia di uscire e fare le cose di cui abbiamo sentito la mancanza e paura.

Peccato che, per ognuno di noi, la percentuale, l’importanza di ognuna delle due componenti sia diversa. Quelli che hanno più voglia di uscire, di prender il sole, di vedere gli amici, e di sentire sulla pelle la primavera che ci circonda stanno uscendo e riprendendo le strade, i parchi, incontrandosi e godendo di questo minimo di libertà che ci è stato concesso.

Quelli che hanno più paura, del virus o delle misure che il governo sta prendendo per arginarlo, del fatto che si insapriscano di nuovo, non escono se non assolutamente necessario, come prima. Fanno girare le foto fatte dal balcone per dire che c’è troppa gente in giro e, i più deboli.

Infatti, la cosa più brutta, credo, di questo virus che tutto lo ha accentuato come una lente di ingrandimento puntata sulla nostra vita, è che ci ha fatto sentire ancora più deboli e separati. È quasi impossibile non cadere nella trapola del giudizio, della superbia e della colpevolizzazione dell’altro.

Nessuno capisce niente, solo noi. I politici sbagliano, gli italiani sono dei cretini, chiunque non sia d’accordo con noi è complice di questo complotto globale di cui noi siamo gli unici salvi.

Allora, non dico che i politici non sbaglino, io sono la prima a dirlo, nè che gli italiani non si comportino spesso da cretini, non oso dire nemmeno che non ci sia un complotto o più di uno.

Quello che dico è che ognuno sta facendo del suo meglio, con le sue limitazioni, con i suoi bisogni e i suoi problemi. Giudicarli non aiuta nè loro nè noi. Chiedere misure più estreme e, ho letto persino richieste di punizioni corporali, ci fa sentire il problema più grande di quanto è. Ed è già abbastanza grande di suo.

Perciò vi invito ad avere più comprensione, ad usare la testa e il cuore, a parlare, a comprendere l’altro, perchè solo tutti insieme possiamo uscire veramente.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, al nostro incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale...