disfarsi del superfluo

Continuando i discorsi delle settimane scorse, in cui abbiamo parlato del valore delle cose, inteso come rapporto costo-benefici, oggi parleremo delle cose che non ci servono più, che non usiamo più, che hanno finito il loro rapporto con noi, ma di cui non riusciamo ad allontanarci per diverse ragioni.

In questo blog abbiamo già parlato di diminuire le cose che accumuliamo con tre libri (il magico potere del riordino, dan sha ri e fai spazio nella tua vita), e ce ne sono tanti altri, soprattutto di feng shui, e altre discipline orientali che ci mostrano i benefici di avere meno cose, ma disfarsi (come delle abitudini come fumare) è difficile.

Dicono che non possediamo le cose ma che sono loro a possedere noi. Ed è così soprattutto per tutte le cose che non usiamo, che semplicemente accumuliamo, collezioniamo, ma di cui per diversi motivi, non riusciamo a disfarci.

Non è lo stesso disfarsi delle cose di cui non riusciamo a distaccarci perchè un tempo le usavamo che di quelle che, invece, crediamo di poter usare in un tempo futuro; o di quelle che sono così belle, costose o rare che sarebbe un peccato perderle; o, le peggiori, quelle che hanno un valore sentimentale, ci ricordano un tempo o delle persone con cui siamo stati felici…

Secondo me la questione è prima chiederci il motivo e poi risolverlo perchè fare di tutta l’erba un fascio ci fa solo perdere tempo e credere che non potremo mai ottenere risultati. Se qualcuno mi dice che devo disfarmi delle cose perchè non devo avere attaccamenti sentimentali, quando il mio problema era che le tenevo per il loro valore economico, non mi convincerà per niente.

Alla fine c’è sempre una credenza limitante e dobbiamo scovarla per smontarla. E, nelle persone complesse, le motivazioni saranno diverse per diverse cose. La buona notizia è che un coach con le domande giuste può aiutarci a disfarci delle cose e delle paure che ci fanno rimanere attaccati… e questo cambiamento si rifletterà anche in altri aspetti della nostra vita.

Cosa pensate? Siete d’accordo con questa riflessione? Aspetto i vostri commenti… 

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

affrontare la pausa

affrontare la pausa

Dicono che c’era una volta un ragazzo che voleva diventare monaco ma quando fu al monastero gli dissero che prima doveva prepararsi. Avrebbe dovuto stare da solo due mesi nella sua casa e poi l’avrebbero ammesso.

Ricominciare da se (2017)

Ricominciare da se (2017)

Visto che nelle ultime settimane abbiamo parlato molto più del solito di autoanalisi e reinvenzione, oggi vorrei tornare a Osho, per parlarvi di Ricominciare da Sé, una guida per un viaggio di conoscenza profonda di noi stessi e delle chiavi della beatitudine.

Focus (2015)

Focus (2015)

E anche oggi voglio parlarvi di un film visto su Netflix, con Will Smith, Focus – Niente è come sembra, di nuovo un film su truffatori per rimanere attenti alle manipolazioni di cui siamo costantemente vittime inconsapevoli.

riempire la vita

riempire la vita

Ci sono persone che passano tutta la loro vita ad aspettare un momento migliore, altri a lavorare sodo per ottenere qualcosa e altre perdono tempo a lamentarsi e a indignarsi. Molti vivono per inerzia e pochi si accorgono di poter scegliere.

cosa c’è sotto?

cosa c’è sotto?

In questi giorni, da quando è iniziato tutto questo casino con il virus, la quarantena, ecc., ognuno ha tratto le sue conclusioni e ognuno ha tirato fuori il meglio, o il peggio, di sè. C’è chi ha visto un grave pericolo, chi ha visto diversi complotti e chi ha visto un’opportunità da sfruttare.