Difficile

Dicono che c’era una volta una anziana nota nel suo paese per la sua saggezza. Molti andavano da lei a chiederle consiglio e lei li accoglieva tutti con la stessa serenità e dolcezza. Una volta arrivò una donna molto giovane che chiedeva aiuto perchè sentiva che la sua vita era troppo difficile.

Arrivò di fretta e parlando molto velocemente disse:

– Non ce la faccio più. Non riesco ad accontentare tutti, il mio capo vuole che lavori come se non avessi figli e mio marito e mia madre che mi occupi dei figli come se non avessi un lavoro. – disse.

– Mi vogliono magra e si offendono se rifiuto un dolce, mi vogliono sempre felice e sorridente per poter sfogare le loro lamentele e i loro problemi su di me. – disse nervosa.

– Dovrei essere una cuoca eccezionale, una psicologa comprensiva, una infermiera preparata, una cameriera ubbidiente e una autista che non ha mai altro da fare. Non ce la faccio più. – disse singhiozzando.

– E tu cosa vuoi? – chiese la anziana.

– Non lo so – disse la giovane, cercando di respirare – non mi ricordo più. Non voglio nulla.

– Viviamo in un mondo complesso, cara mia, a volte sembra che tutti vogliano tutto, subito o persino per ieri. Passiamo la vita inseguendo ideali irraggiungibili per noi e pretendendoli da altri.

– Il matrimonio è difficile, ma lo è anche divorziare. Essere grassi è difficile, ma lo è anche mettersi a dieta. Vivere spendendo poco è difficile ma anche pieni di debiti. Imparare a comunicare è difficile ma lo è anche vivere senza sapere comunicare… Non c’è una strada facile facile.

– La buona notizia è che puoi scegliere quale difficoltà affrontare e puoi scegliere fino a che livello è possibile per te superarla. Dipende solo da te prenderti le tue responsabilità, scegliere le aspettative che vuoi raggiungere e non prenderti anche quelle degli altri.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.