Di che archetipo sei (2014)

01 Apr 22

Questa settimana voglio parlarvi di uno dei libri sugli archetipi più carini che ho trovato, Di che archetipo sei?: libera l’eroe che è in te, di Gabriella D’Albertas, che analizza i dodici archetipi di Jung, presenti in ognuno di noi, che possono crearci dei problemi o portarci le soluzioni.

Un libro che racconta di dodici archetipi che vivono all’interno di noi, dodici figure che possono accompagnarci nella nostra crescita interiore con i loro bisogni, le loro paure e le loro capacità, che, man mano che appaiono nella nostra vita, che vengono sviluppati nella nostra mente, ci creeranno problemi e ci offriranno soluzioni. Sei paia di estremi che possono portarci a polarizzarci e che dovremmo imparare a bilanciare.

Ogni archetipo rappresenta una visione di noi stessi e del mondo e appare in un momento della nostra vita, ma ci accompagna da lì in avanti. Per esempio, il primo archetipo che viene chiamato l’innocente, ha la visione del mondo del bambino molto piccolo, fiducioso perchè tutti i suoi bisogni vengono coperti e allo stesso tempo dipendente perchè non può coprirli da solo.

Il suo opposto è l’orfano, che ha capito che non sempre avrà tutto quello che chiede, che deve imparare a cavarsela da solo perchè il mondo non è sempre tutto rose e fiori, e che ci porta all’estremo opposto di pessimismo e indipendenza estrema.

Poi arrivano il guerriero e l’angelo custode, il cercatore e l’amante, il distruttore e il creatore, il sovrano e il mago e per ultimo il saggio e il folle. Ogni paio di questi archetipi rappresenta i due estremi a cui potremo tendere in un aspetto della nostra vita.

Quello che più mi è piaciuto del libro è che ci parla dei problemi, dei bisogni e delle paure che possono attanagliarci se abbiamo sviluppato molto uno dei due poli e ci invita a allenare l’antro come “antidoto” per vivere meglio, per vedere le cose da un punto di vista più neutro.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.