darsi tempo

Spesso i coach, gli amici e chiunque ci voglia bene cercano di spronarci per fare del nostro meglio, per non perdere tempo, per fare di più, etc. Ma a volte bisognerebbe fermarsi un attimo e darsi tempo, perchè la vita non deve essere sempre e soltanto correre…

Ci sono momenti in cui ci fermiamo perchè abbiamo paura, ma non è sempre così. A volte ci fermiamo perchè dobbiamo fermarci e non sempre è uno sbaglio.

Ogni volta che ci fermiamo possiamo trovare del tempo per capire, per migliorare, per imparare qualcosa, in modo di essere in una posizione diversa quando l’attesa finisce.

 Ogni volta che cadiamo possiamo prenderci del tempo per fermarci un attimo. Per ricalcolare il percorso come fa google, per vedere se ci piace dove stiamo andando e la velocità a cui ci muoviamo.

Non sempre possiamo avere tutto quello che vogliamo quando lo vogliamo e come lo vogliamo, ma non vuol dire che dobbiamo accettare qualsiasi cosa, possiamo sempre usare quel tempo per capire meglio e per prepararci, per cambiare le circostanze.

Non possiamo sempre essere al massimo, non è possibile. A volte bisogna ridurre velocità e intensità. È fisiologico, necessario sia per equilibrare i cicli che per fare manutenzione.

Se cerchiamo di spingere sempre arriva un momento in cui si rompe qualcosa. I coltelli non tagliano più e devono essere affilati perchè tornino come prima o persino più di prima. Anche noi, a volte abbiamo bisogno di tempo, e se gli altri non lo capiscono… dobbiamo farci valere dandocelo noi stessi.

Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La felicità è facile, ma imparare a non essere infelici può essere arduo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.