dare il salto

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto, abbiamo parlato di come, a volte, non si possa fare un cambiamento graduale a piccoli passi ma ci sia bisogno di fare un salto, un salto nel vuoto per poter cambiare il nostro mondo, dentro e fuori di noi.

Saltare è una capacità, è un modo di muoversi. Non è il migliore nè il peggiore, è solo qualcosa da allenare per poter farlo bene quando ne avremo bisogno. Chiaramente, com’era d’aspettarsi, ci ho fatto un mio acronimo, per ricordare in maniera pratica i diversi step da seguire:

SPer prima cosa, dovremmo studiare, scoprire quali credenze ci stanno rovinando la vita, recuperare la capacità di stupirci e di farci sorprendere dalle situazioni, senza giudicarle.

APer poi passare all’analisi di diverse alternative, per assurde che possano sembrare. Perchè quando qualcosa ci sembra assurda stiamo rinunciando alla possibilità di capirla.

LA questo punto dovremmo liberarci da tutto quello che non ci serve più. È questo che vuol dire crescere. Lasciare andare le idee che non trovano riscontro nella realtà.

TNon dimentichiamo, però, di tifare per noi stessi, per quel nuovo personaggio che stiamo cercando di creare perchè possa tirare fuori il meglio di sè.

OPer finire, si tratta di ottimizzare, poco a poco il risultato, a piccoli passi, una volta nel nuovo territorio, per ottenere esattamente quel che desideriamo.

C’eravate? vi è piaciuto, fra due settimane ci vediamo di nuovo, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.