Dan sha ri (2017)

Oggi voglio parlare di nuovo di un libro sull’ordine perchè questa estate sto facendo grandi pulizie arriva dal Giappone come quello di cui abbiamo già parlato di Marie Kondò, ma con un approccio più esteso,  Dan Sha ri, riordina la tua vita, che sfrutta l’idea del riordino come spunto per analizzare il rapporto con le cose e con noi stessi.

I concetti che più mi sono piacciuti sono:
  • il modo in cui paragona alcuni oggetti a quegli amici, che sono tanto meravigliosi in un momento della nostra vita ma poi si allontanano perchè la vita ci porta in direzioni diverse. Con la differenza che gli amici si allontanano di loro e dobbiamo solo lasciarli andare, mentre invece, le cose, dobbiamo mandarle via noi;
  • il modo in cui riflette sul concetto di spreco e le sue due varianti. Ad ogni momento in cui dobbiamo decidere se continuare come fino ad oggi o cambiare; ogni passo sulla stessa strada o su una strada diversa, suppone uno spreco di possibilità diverse se continuiamo sulla stessa strada o degli investimenti precedenti se decidiamo di cambiarla;
  • il modo in cui descrive il disordine come un’otturazione in una tubatura o in un sistema, che impedisce di fluire all’energia;
  • il modo in cui, come me, dice che le cose dovrebbero essere meno importanti delle persone, e ci invita a riprenderci il nostro potere, analizzando il tempo a cui sono legate le cose (e la loro energia) perchè se è passato o futuro ci toglierà energia nel momento presente.
Ma, soprattutto, il modo in cui descrive il prorpio Dan Sha e Ri, i tre ideogrammi giapponesi che significano rispettivamente rifiuto di ciò che non serve (chiudere il rubinetto di entrata), eliminazione di ciò che già possedete che non serve (aprire il rubinetto in uscita) e separazione da ogni desiderio di ciò che non serve (amare a tal punto quel che rimane che l’ordine diventa naturale).

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.

l’ottavino

l’ottavino

Dicono che c’era una volta una orchestra famosa, conosciuta da tutti perché la loro musica era perfetta, speciale, unica, e suonava come una melodia celestiale. Ovunque suonavano, il pubblico rimaneva sempre affascinato…

Diventa chi sei (2018)

Diventa chi sei (2018)

Oggi vorrei parlare di un libro diverso, dopo le vacanze si torna al lavoro e molti si chiedono se il loro lavoro sia il migliore per loro o se dovrebbero cambiare. Emilie Wapnick nel suo libro Diventa chi sei, Una pratica guida per persone creative che hanno molteplici passioni e interessi, ci parla di come rispondere a questa domanda.

What women want (2000)

What women want (2000)

a settimana scorsa, dopo che ve ne ho parlato, mi sono guardata di nuovo What women want, del 2000. Erano tempi in cui le donne iniziavano timidamente ad reivindicare un ruolo più attivo da quello “tradizionale”, al lavoro e nella vita e questo spaventava alcuni uomini…