curiosità e controllo

Ci sono due motivazioni molto semplici da confondere per coloro che non sono adetti ai lavori: la curiosità e il controllo. Entrambe portano a cercare di sapere il più possibile su un dato argomento, ma per ragioni molto diverse. Vi siete mai fermati a pensarci?

La curiosità ci spinge a cercare di capire come funzionano le cose in maniera molto leggera, a volte persino divertendoci. Come se non avessimo nessuna responsabilità. Il controllo, invece, ci spinge a capire al meglio le cose in una maniera molto più ansiosa, molto più seria, molto più grave. Come se tutta la nostra vita dipendesse da quell’aspetto.

Ad un esame superficiale tutte e due sono molto simili, portano le persone a desiderare di conoscere le regole, a ricercare possibilità e ad avere un atteggiamento da ricercatore. Ma, approfondendo, vengono fuori le differenze, nel gestire le informazioni e le emozioni che scopriamo durante la nostra ricerca.

Chi è guidato del desiderio di controllo non lo sarà contento… Perchè non possiamo controllare tutto, ci saranno sempre cose che ci sfuggiranno e il bisogno insoddisfatto porterà sempre più frustrazione e ansia. È una motivazione autodistruttiva.

Invece chi è guidato dalla curiosità è più facile che sia soddisfatto. Sempre che, nella sua curiosità abbia gli occhi aperti e non si lasci ossessionare… A proposito, anche se la curiosità uccise il gatto, lui se lo poteva permettere perchè aveva più vite.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

proteggersi o non proteggersi

proteggersi o non proteggersi

La settimana prossima, all’incontro del mese di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, continueremo il nostro percorso per smontare fake news, falsi miti e falsi bisogni” e parleremo in maniera più personalizzata di protezione e sicurezza.

la libertà di espressione

la libertà di espressione

In questi ultimi anni di boom dei social media, molti dicono che con questi mezzi l’intelligenza è diminuita, altri che era già bassa ma non lo si vedeva. Ognuno può dire la sua e arrivare a migliaia di persone, dai politici all’ultimo arrivato come la signora di “non c’è coviddi”.

l’ottavino

l’ottavino

Dicono che c’era una volta una orchestra famosa, conosciuta da tutti perché la loro musica era perfetta, speciale, unica, e suonava come una melodia celestiale. Ovunque suonavano, il pubblico rimaneva sempre affascinato…