cosa vuoi cambiare?

09 May 18

I eri all’evento di facciamo pace, abbiamo parlato, come promesso di cambiamento e di efficienza ma anche di soddisfazioni, anche di quali cose ci darebbe più soddisfazioni cambiare, di quali cambiamenti ci renderebbero più felici, sereni e ci farebbero sentire più forti e capaci.

Abbiamo già detto più volte che non è tanto importante quello che facciamo quanto come le facciamo, quello che sentiamo mentre lo facciamo, l’energia o la motivazione con cui facciamo le cose. Ci sono sempre due motivazioni originarie, la paura e l’amore, che si trasformano in altretante emozioni e pensieri. Dietro al senso del dovere e al bisogno di denaro o approvazione si nasconde la paura, dietro alla gioia, alla felicità e alla serenità si nasconde l’amore.

E ogni volta che facciamo qualcosa, a seconda dell’energia che ci mettiamo dentro, il nostro genio ingenuo ci manda più situazioni e persone che ci danno quell’energia. Perciò dobbiamo stare attenti alle cose che facciamo, e capire se le facciamo perchè dobbiamo o perchè lo scegliamo noi. Perchè tutto quello che facciamo perchè dobbiamo ci fa sentire più impotenti e piccoli e quello che facciamo perchè lo scegliamo noi, ci fa sentire più grandi, potenti e capaci.

Perciò abbiamo parlato di come fare per diminuire le cose che facciamo perchè dobbiamo. Per prima cosa dobbiamo scrivere un elenco di tutte le cose che facciamo perchè dobbiamo: tutte le cose che facciamo per dovere, legate ad un nostro ruolo, caratteristica o capacità, per denaro, cose che facciamo per avere l’approvazione degli altri in generale, o di qualcuno in particolare, per evitare una punizione, o la vergogna o il senso di colpa… ci tolgono energie.

Una volta fatta la lista, pero ogni voce dobbiamo capire se possiamo smettere di farlo o, in caso contrario, se possiamo farlo con una energia diversa. Per esempio, nella lista potrebbe esserci portare i figli a scuola, è un’attività che i genitori “devono” fare e che toglie tempo alla propria preparazione e inizio giornata. Posso trovare qualcun’altro che lo faccia, persino pagando, tipo una baby sitter, o posso farla con un energia diversa, approfittare per creare un legame più saldo con loro… ecc.

O potrebbe esserci qualche aspetto legato al lavoro, un lavoro che non ci piace, o un orario, o un capo, o dei colleghi che ci mettono in difficoltà perchè hanno modi di fare molto diversi dei nostri e le nostre credenze o giudizi nei loro o nei nostri confronti continuano ad urlarci di smettere. Anche in questo caso, la proposta è sempre la stessa, trovare il modo di smettere di metterci in quelle situazioni o cambiare l’energia dei pensieri che abbiamo mentre siamo dentro.

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

 

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.

l’imperatore e lo yogi

l’imperatore e lo yogi

Dicono che c’era una volta un grande imperatore che, in viaggio per le sue terre sentì parlare di un monaco che era molto saggio e pensò che gli farebbe comodo averlo con lui a corte e così andò a cercarlo.

siamo tutti speciali

siamo tutti speciali

Spesso, quando parliamo con conoscenti e amici dei nostri problemi ci sentiamo diversi, perchè a noi succedono cose che a loro non sono successe e viceversa. Spesso questo finisce con un incomprensione o quel che è peggio con un confronto in cui qualcuno deve uscire vencitore perchè sta meglio o peggio.