correggere i diffetti

Se mi conoscete sapete che non amo chiamarli “diffetti“, che preferisco aree di miglioramento ma, indipendentemente da come decidiamo chiamarli, oggi voglio parlare di cosa farci, una volta che li abbiamo individuati.

 Come dicevamo, la prima cosa è individuarli, ed è qualcosa che deve fare ognuno per sè. Possiamo partire da quello che ci dicono gli altri, ma solo come indizi. Non tutto quello che gli altri pensano sia un diffetto lo è per forza. A volte sono loro che proiettano su di noi le loro idee.

Se chiediamo al dizionario, ci dice che difetto è un’imperfezione fisica o morale più o meno accentuata e rilevabile dal punto di vista oggettivo o soggettivo: un d. di andatura, di pronuncia; ed è proprio qui che possiamo prendere tutti gli indizi.

Ogni volta che qualcuno ci fa notare i nostri difetti (che vede lui o lei), possiamo chiederci quanto sia soggettiva la sua segnalazione, perchè a volte quello che una persona considera un difetto, un’altra lo considera una virtù e potrebbe essere più utile cambiare compagnia.

Ma la cosa più importante è che un difetto disturba, da fastidio. Se uno cammina piano, perchè è zoppo, in una stradina stretta e piena di gente che tenta di andare va veloce, darà fastidio. Invece, in mezzo alla campagna, potrebbero nemmeno accorgersi.

La mia proposta è, soprattutto in questi giorni di buoni propositi, di chiederci prima di decidere quali difetti vogliamo “correggere“, e perchè vogliamo farlo, a chi danno fastidio, perchè danno fastidio a noi è un conto, ma se danno fastidio a qualcun’altro… forse è lui o lei che ha un problema e non noi.

Siccome il tempo e le energie sono limitati, dovremo creare la nostra gerarchia di priorità e urgenze. Che ne dite? Proviamo?!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

bambini cresciuti

bambini cresciuti

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.

segnali

segnali

Quando dobbiamo fare una scelta importante, spesso ci troviamo a cercare da qualche parte un un segnale, una conferma, che ci dica che siamo nella strada giusta. A volte i segnali appaiono, altre no, ma noto che spesso il problema non è trovare il segnale, ma saperlo leggere.

la miniera di diamanti

la miniera di diamanti

Dicono che c’era una volta un giovane molto povero che aveva un sogno scoprire una miniera di diamanti e diventare molto ricco. Viveva con i suoi genitori molto anziani in un una vecchia casa in mezzo ai campi.