corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

 Mi ha ispirata soprattutto la riluttanza assoluta di una amica psicologa ad accettare il concetto di spirito e la sua connessione con la vita oltre la morte del corpo, la reincarnazione, l’inconscio familiare nascosto nel DNA (di cui abbiamo parlato quando parlavamo delle quattro vite) e tutte le possibilità che questo comporta.

Il fatto è che, per come la vedo io e molti degli autori con cui mi sono formata, noi abbiamo una triple componente:

  • con un corpo visibile e percepibile attraverso i sensi, che sembra qualcosa di finito, statico e compiuto anche se in realtà è in continuo divenire. Come la superficie delle isole che vediamo nel disegno, anche esse possono cambiare, anzi, cambiano… nel tempo;
  • sotto, se approfondiamo, dietro al corpo troviamo una mente, per alcuni autori mente e anima sono la stessa cosa, che può modificare il corpo e le sue percezioni, azioni (e di conseguenza i risultati) in maniera conscia o inconscia, e che è slegato dal resto, con la sua personalità. Come la parte delle isole che è fuori dall’acqua e che sembra essere completamente staccata dal resto;
  • ma ancora sotto, se continuiamo ad approfondire, dietro troviamo qualcosa di indistinto, qualcosa senza la quale non saremo noi ma che non è più “noi”, che non è più separata, che non ha più una personalità, ed è quello che chiamiamo spirito. Nel nostro disegno è la corteccia della terra sotto l’acqua, è sotto ad ogni isola e la sostiene, ma non è l’isola, non le appartiene.

Che ne pensate? Vi sembra abbia una logica? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per assurdo, meno ti soffermi sull’obiettivo finale e più presto ci arriverai. Se tieni un occhio sempre fisso sulla destinazione, te ne rimane solamente uno per guidarti lungo il viaggio.

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.