conflitti di desideri

Ieri sera, all’incontro di facciamo pace, abbiamo parlato di desideri, di come definirli e metterli bianco su nero, per chiedere aiuto all’universo o, per gli scettici, almeno per fare chiarezza e di aumentare la nostra consapevolezza su quello che vogliamo e quello che desideriamo e sulle ragioni per cui, spesso, non lo otteniamo.

 Perchè la maggior parte delle volte non otteniamo ciò che desideriamo per un conflitto fra diversi desideri… e solo facendo chiarezza su ogni cosa che desideriamo possiamo fare luce sui punti in cui si fanno concorrenza.

Secondo la tecnica dei 101 desideri dovremmo scrivere 150 cose che vogliamo per scegliere 101. E poi l’uniiverso si occuperà di tutto e li farà avverare se li definiamo seguento queste premesse:

  1. iniziando con io voglio o io desidero;
  2. in positivo, niente negazioni;
  3. chiedere quello che vogliamo e non soldi;
  4. il più concreti possibile
  5. evitando paragoni, desideri originali;
  6. per noi e non per altri;
  7. senza ripetizioni, senza desideri seriali;
  8. senza diminutivi o vezzeggiativi;
  9. massimo 14 parole (un fiato);
  10. senza chiedere cose con persone concrete…

 Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Avete mai provato la tecnica? Qualcosa da aggiungere?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.

due piedi

due piedi

La settimana prossima, all'incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, ancora una volta online, il tema sarà la dualità e come gestirla, perchè ci hanno sempre insegnato che dobbiamo fare delle scelte ma a spesso è pìu funzionale trovare...

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.