conclusioni binarie

Q uest’estate, per una serie di circostanze, sto vivendo dei mesi, settimane, giorni, particolarmente intensi. Spesso, quando racconto qualche esperienza ai miei amici, soprattutto se coinvolge un momento speciale passato con un ragazzo, la persona che ho di fronte mi chiede “ti piace?”.

Sembra che alla fine dobbiamo sempre decidere “bianco” o “nero”, mi piaci come amico o come fidanzato, amo il mio lavoro o lo odio, sono una brava persona o ho commesso errori imperdonabili, sono la più sexy al mondo o faccio schiffo, ecc. Sembra che dobbiamo accettare di trarre solo conclusioni binarie e, chiaramente, di agire di conseguenza.

Ci sono dei rigidissimi criteri che ci dicono quello che è giusto e quello che è sbagliato, definizioni di quanto è abbastanza a cui molti non possono arrivare nemmeno con tutta una vita di sforzi. Non importa se siamo d’accordo o meno, spesso permettiamo a questi criteri di limitare la nostra vita, le nostre esperienze, le nostre scelte, le nostre possibilità.

L’altra volta che abbiamo parlato di Intelligenza Artificiale e della differenza fra il mondo reale e quello virtuale che stiamo costruendo, ci eravamo focalizzate sull’individualità. Ma c’è un’altro aspetto importante ed è la capacità di vedere le sfumature, di gestire le sfumature, le emozioni, le connotazioni, e tutto quello che non è binario.

La buona notizia è che possiamo sempre ritornare in contatto con questa nostra capacità, con la nostra sensibilità, riprenderci le sfumature, fare tornare di moda le scelte e le meno drastiche e più umane. Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il buon amore nella copia (2020)

Il buon amore nella copia (2020)

Tra i libri che ho letto per scrivere la nuova aventura di Felix, dopo Felix e il segreto delle chiavi magiche, uno di quelli che ho amato particolarmente é stato Il Buon Amore nella Coppia, quando uno più uno fa più di due, di Joan Garriga.

Altruisti si diventa (2016)

Altruisti si diventa (2016)

Ok, lo ammetto, devo sfruttare al massimo l’investimento fatto su Netflix, ma bisogna dire che, cercando bene, si trovano dei film carini e particolari. L’ultimo che ho visto è stato Altruisti si diventa con Paul Rudd e Selena Gomez.

parlare per assoluti

parlare per assoluti

In questi giorni ho visto un video molto interessante preparato dai ragazzi del mensa italia sulle dieci fallacie argomentative più comuni che troviamo nelle conversazioni, nelle discussioni, usate in maniera consapevole e inconsapevole.