conclusioni binarie

Q uest’estate, per una serie di circostanze, sto vivendo dei mesi, settimane, giorni, particolarmente intensi. Spesso, quando racconto qualche esperienza ai miei amici, soprattutto se coinvolge un momento speciale passato con un ragazzo, la persona che ho di fronte mi chiede “ti piace?”.

Sembra che alla fine dobbiamo sempre decidere “bianco” o “nero”, mi piaci come amico o come fidanzato, amo il mio lavoro o lo odio, sono una brava persona o ho commesso errori imperdonabili, sono la più sexy al mondo o faccio schiffo, ecc. Sembra che dobbiamo accettare di trarre solo conclusioni binarie e, chiaramente, di agire di conseguenza.

Ci sono dei rigidissimi criteri che ci dicono quello che è giusto e quello che è sbagliato, definizioni di quanto è abbastanza a cui molti non possono arrivare nemmeno con tutta una vita di sforzi. Non importa se siamo d’accordo o meno, spesso permettiamo a questi criteri di limitare la nostra vita, le nostre esperienze, le nostre scelte, le nostre possibilità.

L’altra volta che abbiamo parlato di Intelligenza Artificiale e della differenza fra il mondo reale e quello virtuale che stiamo costruendo, ci eravamo focalizzate sull’individualità. Ma c’è un’altro aspetto importante ed è la capacità di vedere le sfumature, di gestire le sfumature, le emozioni, le connotazioni, e tutto quello che non è binario.

La buona notizia è che possiamo sempre ritornare in contatto con questa nostra capacità, con la nostra sensibilità, riprenderci le sfumature, fare tornare di moda le scelte e le meno drastiche e più umane. Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.