conclusioni binarie

Q uest’estate, per una serie di circostanze, sto vivendo dei mesi, settimane, giorni, particolarmente intensi. Spesso, quando racconto qualche esperienza ai miei amici, soprattutto se coinvolge un momento speciale passato con un ragazzo, la persona che ho di fronte mi chiede “ti piace?”.

Sembra che alla fine dobbiamo sempre decidere “bianco” o “nero”, mi piaci come amico o come fidanzato, amo il mio lavoro o lo odio, sono una brava persona o ho commesso errori imperdonabili, sono la più sexy al mondo o faccio schiffo, ecc. Sembra che dobbiamo accettare di trarre solo conclusioni binarie e, chiaramente, di agire di conseguenza.

Ci sono dei rigidissimi criteri che ci dicono quello che è giusto e quello che è sbagliato, definizioni di quanto è abbastanza a cui molti non possono arrivare nemmeno con tutta una vita di sforzi. Non importa se siamo d’accordo o meno, spesso permettiamo a questi criteri di limitare la nostra vita, le nostre esperienze, le nostre scelte, le nostre possibilità.

L’altra volta che abbiamo parlato di Intelligenza Artificiale e della differenza fra il mondo reale e quello virtuale che stiamo costruendo, ci eravamo focalizzate sull’individualità. Ma c’è un’altro aspetto importante ed è la capacità di vedere le sfumature, di gestire le sfumature, le emozioni, le connotazioni, e tutto quello che non è binario.

La buona notizia è che possiamo sempre ritornare in contatto con questa nostra capacità, con la nostra sensibilità, riprenderci le sfumature, fare tornare di moda le scelte e le meno drastiche e più umane. Vi va di provare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

flow (1990)

flow (1990)

Ieri mi è arrivato un email che diceva che, finalmente, si può leggere uno dei miei libri preferiti sugli argomenti di cui parliamo normalmente anche in italiano. Sto parlando di Flow di Mihály Csíkszentmihályi, che io ho letto più di vent’anni fa ma di cui ancora non avevo potuto parlarvi.

la gente che e la gente quando

la gente che e la gente quando

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.

la trappola della vittima

la trappola della vittima

Abbiamo parlato molte volte dell’analisi transazionale e di uno dei suoi concetti principali, l’esistenza in ognuno di noi di tre diversi tipi di personalità che riflettono i tre stati dell’io, bambino, adulto e genitore. Oggi voglio parlarvi di un’altro aspetto importante il triangolo psicodrammatico.