con quanto amore vivi?

29 May 19

Ieri all’evento di facciamo pace abbiamo parlato, tra le altre cose, del metodo più veloce che conosco per riempire la propria vita di amore. Qualcosa per iniziare a cambiare il verso in cui gira la nostra vita, dal circolo vizioso in cu spesso inciampiamo per mancanza da amore dall’esterno a quello virtuoso in cui vive la gente che vive nell’amore che viene da dentro.

Come anticipato la settimana scorsa, abbiamo parlato di come riempire la nostra vita di amore, in ogni momento, il più possibile, perchè l’amore non è solo coccole e condivisione. È anche supporto, cura, ecc, è un atteggiamento con cui vivere. Il metodo di cui parlavo inizia col fare con più amore le cose che già facciamo, e in questo modo ci ricarichiamo per poi poter smettere di fare quelle che proprio non riusciamo ad amare quando avremo abbastanza forze. Se facciamo un’analisi delle cose che facciamo ogni giorno, possiamo raffigurarle in un piano cartesiano in cui un asse rappressenta il continuo tra quello che devo fare e quello che voglio fare e l’altro rappressenta quello tra le cose che faccio per qualche ragione legata al passato e al futuro. Le cose che facciamo per ragioni legate al passato e perchè dobbiamo, causano sofferenza. Quelle che facciamo per ragioni legate al futuro e perchè vogliamo, ci danno gioia. Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.