come un pendolo

16 Nov 21

Abbiamo già parlato di appartenenza e di emancipazione emotiva, di come da bambini dobbiamo per forza rispettare e ripettere le modalità normali nella nostra famiglia ma, crescendo, possiamo scegliere se continuare, fare l’opposto o qualcosa di complettamente diverso, trovare il nostro “modo” di fare le cose.

Quando lavoro come coach e cerchiamo l’origine di un malessere, che sia di tipo fisico o psicologico, partiamo sempre dal fatto che, come diceva il mio amato Jack Sparrow, “il problema non è il problema, ma il tuo atteggiamento rispetto al problema“, quello che chiamiamo un problema non è altro che un conflitto fra la realtà e le nostre credenze.

Il primo passo è trovare questa credenza, perchè a volte è consapevole, come per esempio “il matrimonio è per sempre”, ma molte volte non lo è, anzi, spesso ho due credenze incompatibili tra loro. Ogni credenza è una soluzione che in un momento ha funzionato ma, se oggi è in conflitto con la realtà, vuol dire che non è adatta nella nostra realtà attuale.

Normalmente, quando mi accorgo che la mia credenza non funziona, ho due opzioni, insistere, o fare l’opposto, ma, se non sono abbastanza consapevole andrò da un estremo all’altro, come un pendolo, e in nessuno dei due estremi posso trovare una soluzione ottimale.

La buona notizia è che possiamo imparare a controllare questo movimento pendolare, a fermarci prima di arrivare agli estremi, a integrare le credenze che sembrano opposte, e, soprattutto, a scegliere di agire in modi diversi nelle diverse situazioni.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a capire che possiamo reagire in modi diversi nelle diverse situazioni, a non attaccarci ad una soluzione, ad un atteggiamento, ad una modalità che ci sembra la migliore e a non giudicare, e non rifiutare nessuna modalità, perchè non ci sono modalità sbagliate, solo non adeguate allla situazione. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.