come un pendolo

16 Nov 21

Abbiamo già parlato di appartenenza e di emancipazione emotiva, di come da bambini dobbiamo per forza rispettare e ripettere le modalità normali nella nostra famiglia ma, crescendo, possiamo scegliere se continuare, fare l’opposto o qualcosa di complettamente diverso, trovare il nostro “modo” di fare le cose.

Quando lavoro come coach e cerchiamo l’origine di un malessere, che sia di tipo fisico o psicologico, partiamo sempre dal fatto che, come diceva il mio amato Jack Sparrow, “il problema non è il problema, ma il tuo atteggiamento rispetto al problema“, quello che chiamiamo un problema non è altro che un conflitto fra la realtà e le nostre credenze.

Il primo passo è trovare questa credenza, perchè a volte è consapevole, come per esempio “il matrimonio è per sempre”, ma molte volte non lo è, anzi, spesso ho due credenze incompatibili tra loro. Ogni credenza è una soluzione che in un momento ha funzionato ma, se oggi è in conflitto con la realtà, vuol dire che non è adatta nella nostra realtà attuale.

Normalmente, quando mi accorgo che la mia credenza non funziona, ho due opzioni, insistere, o fare l’opposto, ma, se non sono abbastanza consapevole andrò da un estremo all’altro, come un pendolo, e in nessuno dei due estremi posso trovare una soluzione ottimale.

La buona notizia è che possiamo imparare a controllare questo movimento pendolare, a fermarci prima di arrivare agli estremi, a integrare le credenze che sembrano opposte, e, soprattutto, a scegliere di agire in modi diversi nelle diverse situazioni.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a capire che possiamo reagire in modi diversi nelle diverse situazioni, a non attaccarci ad una soluzione, ad un atteggiamento, ad una modalità che ci sembra la migliore e a non giudicare, e non rifiutare nessuna modalità, perchè non ci sono modalità sbagliate, solo non adeguate allla situazione. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Primo accordo: Sii impeccabile con la parola. La parola è potente. Usatela nel modo giusto, usatela per condividere l’amore. Usate la magia bianca con tutti, cominciando da voi stessi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.