Collateral beauty (2016)

Un’altro film che ancora non avevo visto e ora si può vedere su Netflix è Collateral Beuty, con Will Smith. Una bellissima storia sull’amore, la morte e il tempo, secondo il protagonista, le tre motivazioni più importanti nella vita di ognuno di noi.

 Inizia con il discorso d’incoraggiamento alla Simon Sinek, in cui il protagonista, un uomo brillante, racconta ai suoi dipendenti come per vendere bisogna attirare le persone con una di queste tre cose. Tutti cercano l’amore, di avere più tempo o di sfuggire alla morte.

Dieci anni dopo è diventato un’altra persona. Un uomo deluso e arrabbiato con queste tre cose che, secondo lui, l’hanno ingannato e che vive senza creatività, senza nessun tipo di contatto con altri, mentre scrive loro delle lettere idignate e arrabbiate.

 Fino a quando, un po’ per caso, i suoi amici trovano degli attori che ispirano loro un piano per recuperarlo, impersonare queste cose e dargli le risposte che cerca, o almeno quelle che potrebbero farlo tornare. E gli attori dimostrano di avere una saggezza e una sensibilità fuori dal comune.

Quello che ho amato di più è stato il finale, anche se non vi dico come finisce perchè se non l’avete visto vorrei che lo vedeste, ma ve ne parlo perchè le parole degli “attori”, della morte, dell’amore, del tempo, se date loro una possibilità possono fare in ognun di noi un effetto veramente importante.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.